Emergenza HIV, vaccino a 900 bimbi con la stessa siringa: tutti ne sono affetti

-
29/10/2019

In Pakistan, in una città molto povera, un pediatra ha vaccinato 900 bambini e non solo con la stessa siringa. Tutti hanno l’HIV.

Emergenza HIV, vaccino a 900 bimbi con la stessa siringa: tutti ne sono affetti

Orrore, se non proprio delitto quello che è accaduto in Pakistan, in particolare nella città Tatodero. E’ in questo luogo che circa 900 bambini sono stati scoperti infetti da HIV. Sebbene la notizia sembra essersi diffusa solo di recente, l’amara scoperta c’è stata nel mese di aprile. La notizia è stata diffusa dal  New York Times. Vediamo più da vicino cosa è accaduto e qual è stata la dinamica della vicenda.

In Pakistan 900 bambini vaccinati con la stessa siringa: tutti hanno l’HIV

Potrebbe sembrare che la colpa sia del singolo pediatra che aveva avuto l’incarico di vaccinare tutti i bambini, ma non è così semplice come sembra.

Nello specifico, andando a parlare di numeri,  da quel momento in poi ben 1.100 cittadini sono risultati positivi al virus, con un’incidenza di uno ogni 200 residenti.

E solo 900 di essi hanno meno di 12 anni.

Il medico protagonista di questa assurda quanto tragica vicenda è Muzaffar Ghanghro, il quale  costa di meno in città come queste, dove i tassi di povertà e di analfabetismo sono davvero troppo elevati.

Si potrebbe dire che ogni sua visita costa meno di 20 centesimi di dollari.

Una volta scoperta questa vicenda, il medico Ghanghro è stato subito arrestato e incriminato per negligenza e strage, anche se non è stato condannato.


Leggi anche: Bonus Natale 2020, in arrivo un cashback da 150 euro: cos’è, come funziona e come ottenerlo

Per paradosso,  in un’intervista ha affermato non solo di essere innocente e di non aver mai riutilizzato le siringhe, ma che addirittura può ancora svolgere il suo ruolo da medico.

900 bambini affetti da HIV, ha operato solo il pediatra?

Nonostante ci sia un colpevole, gli ufficiali sanitari sono convinti che questo non possa essere stato l’unico ad aver dato avvio all’epidemia.

Questo non è nemmeno il primo caso di una situazione simile: ci sono molti i medici che riutilizzano le siringhe.

Si stima che dal 2010 al 2018 il numero di persone positive all’HIV in Pakistan è raddoppiato a circa 160mila, almeno questo è quanto stato riportato dall’UNAIDS, l’agenzia Onu per la lotta all’AIDS.

Infine, l’agenzia ha sottolineato come ci sia stato un balzo in avanti del 38 per cento nella fascia d’età tra 15 e 24 anni.

Solo il 10 per cento delle persone sieropositive può accedere a qualche tipo di trattamento.

 

Leggi anche:

Allarme sepsi in Italia: uccide più dell’HIV