Farmaco ritirato dalle farmacie: ecco i 16 lotti ritirati e la marca

-
25/07/2019

L’Aifa ha richiesto il ritiro immediato del farmaco contraccettivo orale, Cerazette. 16 i lotti sottoposti al ritiro per un errore di stampa nel foglietto illustrativo

Farmaco ritirato dalle farmacie: ecco i 16 lotti ritirati e la marca

L’Aifa ha richiesto il ritiro immediato del farmaco contraccettivo orale, Cerazette, è stato ritirato dal mercato a causa di un errore di stampa presente nel foglietto illustrativo. Sono stati ritirati ben 16 lotti dalle farmacie, ritiro disposto dall’Agenzia italiana del farmaco, esattamente stiamo parlando del medicinale Cerazette 28CPR RIV 75MCG-AIC 039167010, della ditta Farma 1000, questo medicinale è usato per la prevenzione delle gravidanze.

Farmaco ritirato: 16 lotti

Il provvedimento e la conseguenza del ritiro del prodotto, si è reso necessario a seguito della comunicazione da parte della stessa ditta Farma 1000 concernente errori di stampa presenti nel foglietto illustrativo del suddetto medicinale.

Vediamo i lotti dei farmaci ritirati dalle farmacie:

1)M041147X2 con scadenza 30/09/2019

2)N005022 con scadenza 31/01/2020

3)N027229 con scadenza 30/06/2020

4)N022283 con scadenza 31/05/2020

5)N026900 con scadenza 30/06/2020

6)N023583 con scadenza 31/05/2020

7)N036302 con scadenza 30/11/2020

8)ROO3696 con scadenza 31/12/2020

9)N016006 con scadenza 30/04/2020

10)R005964 con scadenza 28/02/2021

11)R006262 con scadenza 28/02/2021

12)R014748 con scadenza 31/05/2021

13)R015279 con scadenza 31/05/2021

14)R016244 con scadenza 31/05/2021

15)R024375 con scadenza 30/06/2021

16)R026261 con scadenza 30/06/2021

Si prega, a tutte le consumatrici, di controllare i lotti, nel caso fossero in possesso del medicinale in questione, di recarsi nella farmacia dove è stato acquistato il prodotto, e di chiedere o il cambio con uno che non abbia il lotto inquisito, o di chiedere il rimborso dell’intera cifra.


Leggi anche: Censis, il rapporto del 2020 su consumi, ricchezza, società e sussidi di welfare: l’effetto del coronavirus