Ferritina alta? Vediamo quali possono essere le cause, i sintomi, le cure

-
10/12/2019

Ferritina alta, quali sono le cause, i sintomi, le cure.

Ferritina alta? Vediamo quali possono essere le cause, i sintomi, le cure

Si chiama iperferrtinemia, la si scopre tramite un’analisi del sangue di laboratorio, è una proteina globulare che si trova innanzitutto nel fegato, nel midollo osseo e nella milza, ma comunque è presente un pò in tutto il nostro organismo.

Andiamo a vedere quali possono essere le cause e i sintomi che danno la ferritina alta

Iniziamo a dire che il valore della ferritina tra uomini e donne è diversa e che nei bambini è ancora più bassa. Sono tante le cause che possono dare un valore di ferritina alto, tra cui:

  • le infiammazioni, che possono essere croniche e acute, neoplasie e infezioni
  • avere il diabete di tipo 2
  • soffrire di ipertiroidismo
  • essere obesi
  • un’eccessiva assunzione di alcol
  • soffrire di artrite reumatoide
  • patologie del fegato
  • alcune forme tumorali

I sintomi possono essere molto vari e si passa da uno stato di spossatezza e debolezza inspiegabile, soffrire di mal di stomaco quando non si è mai sofferto, dei forti dolori alle articolazioni, delle consistenti palpitazioni, dei forti dolori inspiegabili al petto.

Esami per misurare la ferritina e quale alimentazione seguire

Per essere individuata in breve tempo si può fare un prelievo di sangue lontano almeno 12 ore dall’ultimo pasto. Se per caso i risultati rispetto ai valori di riferimento sono più alti, si passa a verificare i valori dell’emocromo e dei reticolociti, proprio per vedere se è presente un’anemia, e poi ancora si passa a verificare trigliceridi e glicemia. Se proprio si vuole andare a fondo del tutto della cosa, si passa a fare una biopsia epatica per definire lo stato di salute del fegato.

Come alimentazione assicurarsi che non si prendano integratori di ferro, e nel caso sospendere immediatamente l’assunzione. Per mantenere il sangue più fluido è importante dare precedenza al consumo di frutta e verdura di stagione e attenzione a non andare oltre il vostro peso, da evitare assolutamente diabete e ipercolesteremia.

Inutile dire, ma questo vale quasi sempre, che è importante un’adeguata attività fisica, avanti a tutti c’è il nuoto, ottimo per cuore e psiche, o anche andare in bici può essere molto utile.

Per quanto invece, nel caso ce ne fosse bisogno, per la terapia medica vi dovete rivolgere ad un medico che in base alle vostre esigenze saprà come intervenire.

Carenza di ferro? Quali sono i sintomi e vediamo come curarla


Leggi anche: Bonus autonomi da 1000 euro nel 2021: requisiti delle nuove indennità del decreto Ristori 5