Fibre: perchè potresti non rinunciare ai carboidrati?

-
11/06/2020

Chi ha detto che per ridurre il nostro girovita o per sorridere davanti alla bilancia sia necessario eliminare i carboidrati? Ci pensano le fibre!

Fibre: perchè potresti non rinunciare ai carboidrati?

Fibre: sono nostre alleate o nostre nemiche? Che si tratti di pasta, pane o frutta, le fibre sono nostre alleate vincenti. Una sana dieta basata su un consumo regolare di fibra, consente all’organismo di assorbire tutte le sostanze necessarie. Ciò non significa rinunciare ai cibi che d’abitudine popolano le nostre dispense domestiche, ma solo arricchirne il contenuto di sostanze nutritive.

Uno tra i maggiori benefici di una dieta ricca di carboidrati integrali è il maggiore senso di sazietà che il nostro organismo avverte. Un piatto di pasta integrale apporta un numero maggiore di kilocalorie, anche se assunto in minore quantità rispetto ad un classico carboidrato.

Ma dove sono contenute le fibre?

Pasta e pane integrali, frutta fresca di stagione, frutta secca e legumi sono veri e propri dispensatori di fibre alimentari. Il loro consumo risulta poi un mix perfetto se abbinato ad una buona dieta mediterranea e all’assunzione di almeno due litri di acqua al giorno.

L’utilizzo di una dieta ricca di fibre è sempre da sperimentare dietro consulto di un medico nutrizionista, sia chiaro. Tuttavia, non bisogna essere esperti per appurarne poi i benefici sul nostro organismo. Attenzione alla lettura delle etichette però, non tutto quello che ci viene propinato come integrale lo è realmente!


Leggi anche: Canone RAI ancora in bolletta: chi deve pagarlo e come chiedere l’esenzione

Fibre: pro e contro sul nostro organismo

L’apporto benefico derivato da tali sostanze nutritive deriva dalla non raffinazione degli alimenti. Si tratta di carboidrati non digeribili che vengono assorbiti, così come vengono assunti, dal nostro corpo. I vantaggi? Minor indice glicemico, benefici per il colesterolo, riduzione dei sintomi pre-mestruali e per quelli della menopausa sono solo alcuni dei vantaggi. A cui si aggiungono il contrasto della stitichezza e del gonfiore addominale e la prevenzione di tumori del colon e del tratto intestinale.

Una dieta di questo tipo, inoltre, non appesantisce reni e intestino. I risultati, tuttavia, richiedono un tempo di poco maggiore ad una comune dieta e, in caso di eccesso di fibre, il nostro organismo rallenterebbe l’assunzione di calcio, ferro e zinco.

La combo perfetta:

il sapore della pasta integrale viene valorizzato se abbinato a zucchine fresche a cubetti e pomodorini pachino. E per il pranzo take away? Niente di meglio di un sandwhich integrale con lattuga pomodoro e prosciutto cotto. Non vi resta che sperimentare con le fibre!