Formaggio contaminato da batterio killer “escherichia coli”, ritiro immediato

Formaggio contaminato da batterio killer “escherichia coli”con ceppo STX-2, ritiro immediato può causare gravi danni alla salute.

Formaggio prodotto in Italia ritirato immediatamente perché contaminato dal batterio “Killer” Escherichia coli, ceppo STX-2 che produce shigatoxina. Il formaggio è prodotto in Italia, ed è venduto ed esportato in altri paesi. A segnalare la contaminazione è la Germania, si tratta di un lotto di formaggio al pepe nero. L’allarme è stato emanato dalla Germania ma potrebbe trovarsi anche sulle nostre tavole, in quanto venduto anche in Italia.

Formaggio contaminato da Escherichia coli: rischio grave

Il comunicato di allerta n. 2019.1585 -“Escherichia coli produttrice di shigatoxin (presenza / 25 g) nel formaggio nero al pepe proveniente dall’Italia“, è stato diramato dal Sistema rapido di allerta europeo per alimenti e mangimi (RASFF), che vista l’aggressività del batterio ha evidenziato il “rischio grave”. Anche mangiare un solo pezzo di formaggio potrebbe essere dannoso per la salute, in particolare per l’apparato digerente.

Si attendono chiarimenti dal Ministero della Salute in Italia

Le autorità sanitarie della Germania hanno bloccato l’importazione di questo prodotto distribuito alle catene di ristoranti e catene di supermercati dall’Italia. Si attende la segnalazione del prodotto contaminato anche dal Ministero della Salute italiano con la segnalazione dei lotti contaminati.

Salame affettato contaminato da Salmonella, ecco marca e lotto

Angelina Tortora

Scrivere è passione, è vita, mi accompagna da quando ero bambina. Attraverso la scrittura posso comunicare notizie, idee e soprattutto aiutare gli altri. In un mondo dove tutto va all’incontrario, e dove tutto è confusione, il mio obiettivo è quello di diffondere notizie che aiutino. NotizieOra rappresenta la realizzazione di un sogno, dove esprimersi è libertà, è passione. “Solo attraverso la scrittura possiamo avere notizia di uomini che ci hanno preceduto e scoprire in cosa si sono distinti. E, come i classici insegnano, se si ha memoria di qualcuno, se ne protrae l’esistenza.”