Frutta a colazione: un’ottima alleata per la salute

-
21/03/2020

Frutta a colazione, un toccasana per il nostro organismo.

Frutta a colazione: un’ottima alleata per la salute

Fare colazione con la frutta è un vero toccasana per la nostra salute e per il nostro organismo. Come spesso ci viene detto dagli specialisti, la colazione è il primo passo per iniziare una buona giornata e, per questo, bisogna farla per bene.

Un toccasana per la nostra salute: frutta a colazione

Spesso al mattino non si sa che cosa mangiare a colazione: a volte, per fretta, chi va al lavoro o a scuola la salta proprio, oppure la fa in modo sbagliato. E’ sbagliato, ad esempio, prendere qualcosa a caso dal tavolo o dal mobile in cucina; spesso si tratta di cibi non adatti. La colazione al mattino deve essere fatta bene, poiché essa costituisce il pasto più importante della giornata. Deve, infatti, darci la carica per affrontare mezza giornata di scuola o una giornata di lavoro.

Al mattino, ad esempio, si potrebbe mangiare della frutta: essa contiene vitamine e non ruba troppo tempo per essere mangiata. La frutta ha un gran contenuto di fruttosio, ottimo alleato per il cervello, che viene così aiutato a partire prima. Mangiare la frutta la mattina, inoltre, facilita la digestione di ciò che mangeremo a pranzo.

La frutta è un’ottima fonte di sali minerali, di fibre, di vitamine e di acqua, ci può aiutare inserirla in un’eventuale dieta, in quanto aiuta molto i movimenti intestinali.

Alla domanda che ci potremmo porre di quale frutta si può mangiare la mattina, la risposta è facile, quella di stagione. In questo modo si è sicuri o quasi che sia priva di sostanze chimiche o quantomeno ne ha in minor quantità. Ad esempio in questo periodo dell’anno sono ottime le arance, i mandarini, le banane, i kiwi e i pompelmi. In qualunque modo si mangi la frutta va bene: ad esempio la mattina potete accompagnarla con uno yogurt magro, potete frullarla o metterla sulle fette biscottate.


Leggi anche: Pensioni, la ricerca Schroders: ecco perché gli italiani sono i più preoccupati d’Europa