Gomme sugar-free tendono a ridurre le carie: sarà vero?

-
31/03/2020

Le gomme da masticare sugar free aiutano a ridurre le carie

Gomme sugar-free tendono a ridurre le carie: sarà vero?

Secondo uno studio condotto a Londra le gomme da masticare, quelle rigorosamente sugar-free, aiutano a ridurre del 28% le carie e l’avanzamento della condizione orale.

Le gomme sugar-free riducono le carie

Lo studio fatto ha analizzato un insieme di tanti studi pubblicati negli ultimi 50 anni, con l’interessamento di esplorare l’impatto e l’effetto delle gomme da masticare senza zucchero sulla nostra igiene orale in tutte le fasce di età, sia nei bambini che negli adulti.

Secondo gli studi effettuati questo tipo di gomma da masticare riduce fino al 28% l’avanzare delle carie. Ricordiamo che la stimolazione della saliva può agire come una vera barriera naturale a protezione dei denti; infatti tiene sotto controllo la placca. La salivazione si attiva durante l’atto di masticare e, allo stesso tempo, costituisce una forte partecipazione nel prevenire la fomrazione delle carie.

Come rilevato dagli studi le gomme, esclusivamente sugar-free, vanno ad agire come un mezzo di trasporto di componenti antibatterici inclusi lo xilitolo e il sorbitolo. Purtroppo non ci sono conferme recenti che possano dimostrare questa relazione che c’è tra il rallentamento da parte di un individuo di sviluppare una carie e il relativo consumo di gomme senza zucchero.

Sempre in base ad uno studio c’è chi garantisce che questi tipi di gomme da masticare possano influire sulla prevenzione della formazione di carie. Non sono, però, proprio tutti convinti: per questo motivo si chiede alla scienza di fare ulteriori approfondimenti sull’argomento, prima di darlo per certo.

Ci sono in programma ulteriori ricerche che possano definire la veridicità di queste affermazioni e, di conseguenza, dirci se davvero è possibile usare queste gomme come prevenzione delle carie.


Leggi anche: Cassa integrazione COVID Ristori Bis: come funziona la proroga e quanto dura, ecco le prime istruzioni Inps