I cibi che non fanno ingrassare: lo dice uno studio

-
23/03/2020

Ecco i cibi che non ci fanno ingrassare e non avere sensi di colpa.

I cibi che non fanno ingrassare: lo dice uno studio

Uno studio fatto da un medico e epidemiologo su pazienti con problemi di obesità ha determinato che esistono cibi che non fanno ingrassare. Deve, quindi, essere privilegiato in assoluto un radicale cambio di stile di vita e di alimentazione.

Ecco i cibi che non fanno ingrassare

In questo studio è potuto emergere come un corretto stile di vita e un corretto stile alimentare possono aiutare a prevenire l’insorgere di malattie che a volte possono trasformarsi anche in casi gravi.

A questo proposito il dottore Franco Berrino tiene molto a promuovere la salute e il benessere dell’umanità e dichiara:

  • “Cosa possiamo mangiare per non ingrassare e perdere qualche chilo? I colleghi dell’Università di Harvard hanno fatto una sorta di classifica sui cibi che fanno ingrassare. Al primo posto ci sono le patatine, di tutti i tipi, poi ci sono le carni rosse, carni conservate e bevande gassate e conservate. Poi abbiamo le farine raffinate, i dolciumi e il burro”.

Poi ci tiene a dire quali sono invece i cibi che si possono mangiare con tranquillità e senza avere i sensi di colpa, vediamoli:

  • “Poi ci sono i cibi che sono associati a non ingrassare, e comprendono: la frutta, la verdura, i cereali integrali, i legumi, i frutti oleoginosi come noci, nocciole e mandorle che hanno un grasso che fa funzionare l’insulina. Anche lo yogurt è associato al non far ingrassare.

Poi c’è una dichiarazione che fa il dottore e che lascia tutti stupiti: l’alimento ideale per chi vuole dimagrire è la pasta e fagioli. Sentire la pasta, per chi deve dimagrire è come sentire il veleno, e invece non è così.

I carboidrati, infatti, sono ritenuti essenziali per il nostro organismo, ci danno energia così  i legumi, che integrano le fibre indispensabili che fanno funzionare al meglio il nostro sistema digestivo.


Leggi anche: Pagamento Imu, calcolo, scadenza e saldo 2020: chi potrà beneficiare della cancellazione per Covid-19