La curcuma aiuta il cervello ad auto-ripararsi.

La curcuma, elisir di lunga vita, una pianta dalle molteplici proprietà benefiche, come quella che aiuta al cervello di auto-ripararsi.

La curcuma è considerata un vero e proprio elisir di lunga vita, essa ha tante proprietà benefiche sul corpo umano. I ricercatori, in questi ultimi anni, hanno svolto importante ricerche al riguardo di una proprietà eccezionale e hanno scoperto che la curcuma migliora il cervello ad auto-ripararsi. Questa proprietà è stata evidenziata da una ricerca pubblicata sulla rivista scientifica Stem Cell Research and Therapy, con titolo di “Aromatic-turmerone induces neural stem cell proliferation in vitro and in vivo”. In questo studio i ricercatori dell’Institute of Neuroscience and Medicine di Julich, in Germania, si sono concentrati sull’ar-turmerone (aromatic-turmerone). Su modello animale, la somministrazione di ar-turmerone ha portato ad un aumento dell’80% della capacità del cervello di auto-ripararsi. Ciò è un importante passo avanti per quanto riguarda la medicina rigenerativa, i ricercatori pensano che con questa soluzione si possa migliorare la vita dei milioni di persone che soffrono di malattie come Alzheimer, Parkinson, sclerosi multipla, sclerosi laterale amiotrofica e non solo.

La curcuma e le sue proprietà benefiche

Al di là di questo studio, la curcuma ha tantissime proprietà benefiche.

La curcumina è un potente antinfiammatorio capace anche di prevenire il diabete e l’artrite. La curcuma combatte la fame, infatti viene usata nelle diete per velocizzare la perdita di peso, la curcumina aumenta i livelli di serotonina e dopamina, i quali agiscono contro la fame nervosa da ansia e stress.

La curcuma vanta anche proprietà depurative, fa un’azione disintossicante sul fegato, in quanto lo depura e ciò la rende utile nel caso di cirrosi, epatiti o abuso di alcol o farmaci.

La curcuma è un ottimo antiossidante, contrasta l’azione dei radicali liberi, responsabili dell’invecchiamento cellulare. Per questo motivo aiuta a rendere la pelle più bella e giovane, nonché a rinforzare i capelli e le unghie.

La curcuma vanta, inoltre, delle proprietà antitumorali eccellenti. La medicina moderna le ha studiate con attenzione, soprattutto nei riguardi delle neoplasie che interessano l’intestino, l’esofago, i reni, i polmoni, il fegato, la prostata e il seno: la curcumina potrebbe, infatti, aiutare anche nel trattamento farmacologico di alcune cellule tumorali resistenti. Su questo campo, comunque, c’è da fare ancora parecchia chiarezza, nonostante siano molte le ricerche svolte: in India e in Asia, in generale – dove la curcuma è ampiamente consumata – l’incidenza dei tumori è molto più bassa rispetto ai restanti Paesi del mondo.

Assunzione e consumo della curcuma

Abbiamo visto che la curcuma fa bene ed è quindi consigliabile inserirla nella dieta. La curcuma ha molti usi in cucina. La sua formulazione in polvere può essere usata per insaporire numerose ricette, in quanto vanta un gusto delicato e fresco: aggiungetela a fine cottura dei cibi o per insaporire salse e yogurt con una spolverata, direttamente, sul condimento. Inserendola dopo la cottura la curcuma non perde le sue tantissime proprietà benefiche per il nostro organismo. Il suo sapore, leggermente amarognolo, la rende adatta a dare un tocco in più a molti piatti salati. Per il suo potere colorante, invece, è molto usata per budini e creme.

Per facilitarne l’assorbimento, è opportuno abbinare la curcuma al pepe nero, oppure ad un grasso come l’olio extravergine d’oliva. Potreste, poi, realizzare una tisana alla curcuma, in caso di disturbi intestinali: sciogliete un cucchiaio di curcuma in un bicchiere di acqua calda. Altrettanto valida è anche la tisana alla curcuma e allo zenzero, che abbina due spezie dalle incredibili proprietà terapeutiche per il nostro apparato gastrointestinale.

La curcuma si può trovare in commercio anche in capsule e questo permette di assumerla in quantità adeguata senza dover modificare le proprie abitudini alimentari.

Leggi anche:

Potente antiossidante: l’alga spirulina,lo zenzero e la curcuma.

 

Maria Di Palo

Sono ragioniere programmatore, ho scoperto, grazie ad una buona amica, il piacere di scrivere e di condividere ciò che mi interessa, mi incuriosisce e mi appassiona. Mi piace trasferire agli altri le ricette della tradizione campana che la mia mamma mi ha lasciato in eredità e quelle nuove che amo preparare per la mia famiglia. Mi appassiona scrivere su tutto ciò che attrae la mia curiosità come argomenti di attualità e argomenti che riguardano il mondo della scuola. Amo anche esplorare luoghi nuovi e affascinanti.