La dieta Mediterranea, perchè gli italiani non la preferiscono?

-
28/05/2018

Troppe diete facili senza nessun risultato, la dietta mediterranea dimenticata dagli italiani: ecco le conseguenze sulla salute.

La dieta Mediterranea, perchè gli italiani non la preferiscono?

La dieta mediterranea, ormai, nei paesi del sud Europa è sorpassata, nessuno la segue più. E’ seguita nei paesi del nord Europa, ma soprattutto in Svezia.

L’abbandono della dieta mediterranea

Nei paesi del sud Europa, purtroppo, la dieta mediterranea, ritenuta uno dei regimi alimentari più sani, è stata abbandonata.

Ciò è stato messo in evidenza dal Congresso Europeo sull’obesità, tenutosi a Vienna, che i bambini del sud Europa sono molto più grassi di quelli svedesi che seguono una alimentazione più corretta.

Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità i bambini che seguono una corretta dieta mediterranea sono quelli svedesi, mentre nei paesi del sud Europa, culla della dieta mediterranea questa è stata abbandonata. In Svezia i bambini mangiano pesce, frutta, verdura, olio di oliva, i bambini del Sud Europa mangiano cibo spazzatura.

I bambini, in Grecia, Spagna e Italia, sono obesi con una percentuale del 40%. In Italia i maschietti hanno una percentuale di obesità pari al 21% che aumenta se si consideri anche quelli in sovrappeso al 42%.  Per le femminucce la percentuale di obesità è del 38%. Invece in Francia, Norvegia, Irlanda, Lettonia e Danimarca hanno una percentuale di obesità che riguardano i bambini molto bassa, pari al 5 % in entrambi i sessi. Questi dati sono stati raccolti dall’European Childhood Obesity Surveillance Initiative.

Perché si è obesi

Il consumo spropositato di cibo spazzatura, bevande zuccherate, hanno rimpiazzato il consumo di cibi sani come frutta e verdura. Joao Breda, responsabile dell’Ufficio europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie non trasmissibili dell’Oms, ha dichiarato che bisogna riconquistare la dieta mediterranea, i ragazzi devono mangiare più frutta e verdura ed evitare bevande zuccherate, spuntini, dolci, l’utilizzo del sale. Solitamente i ragazzi non fanno neanche movimento, l’attività fisica è quasi inesistente.

Provvedimenti presi

È stato messo in atto, nei paesi con alto indice di obesità, dei provvedimenti che portano al consumo di più frutta e verdura, educando già dalle scuole di I° grado al consumo di tali alimenti. Joao Breda ha detto che bisogna fare uno sforzo e ritornare al consumo di cibi come frutta e verdura quotidianamente per prevenire l’obesità infantile. Paesi che invece hanno un tasso basso di obesità sono: Danimarca, Albania, Montenegro, Portogallo, San Marino, Russia (Mosca) e Tukmenistan.


Leggi anche: Bonus Natale 2020, in arrivo un cashback da 150 euro: cos’è, come funziona e come ottenerlo