La donazione del sangue: tutto quello che devi sapere

Donare il sangue oltre a salvare la vita di una persona ti porta ottimi benefici per la salute, ecco alcuni accorgimenti

È molto importante che una persona sia consapevole dell’importanza della donazione del sangue. Il sangue non può essere prodotto, non può essere acquistato quando qualcuno ha bisogno di una trasfusione, l’unica soluzione è la donazione.

La donazione del sangue è utile anche a coloro che donano il sangue. Vi sono numerosi studi che dimostrano una maggiore aspettativa di vita nei donatori di sangue. Le persone che donano regolarmente sangue hanno un minor rischio di infarto e ictus.

Immediati effetti collaterali

La sensazione di svenimento o vertigini può essere dovuta alla perdita di plasma dal corpo e, implicitamente, a uno stress temporaneo del sistema cardiovascolare. Questi effetti si possono verificare dopo l’inserimento dell’ago nella vena.

La donazione di sangue: ecco alcune condizioni da rispettare

Quando si decide di compiere questo nobile gesto, si ha l’opportunità unica di salvare tre vite in meno di 20 minuti. E non devi essere un medico per farlo, ma devi semplicemente rispettare pochissime condizioni.

  • La fascia d’età dovrebbe essere compresa tra 18 e 65 anni
  • Il peso del donatore deve essere superiore a 50 kg
  • Il donatore deve essere in buone condizioni di salute
  • Se hai subito un intervento chirurgico negli ultimi tre mesi non puoi donare il sangue
  • Non puoi donare sangue se sei incinta oppure nel periodo mestruale
  • Se stai assumendo farmaci per varie patologie come ad esempio: ipertensione, malattie cardiache, malattie renali, malattie mentali, malattie del fegato, malattie endocrine.
  • Se hai donato il sangue devi aspettare almeno 8 settimane fino alla prossima donazione permessa.
  • Non mangiare alimenti grassi in eccesso o bere alcol, almeno 48 ore prima della donazione
  • I pazienti positivi per l’HIV, virus dell’epatite B e C, per la sifilide non possono donare il sangue.

Donatori di sangue: ecco i benefici

Il sangue raccolto, prima di arrivare al paziente bisognoso è controllato sia per scoprire se nel sangue c’è la presenza di virus infettivi che possono trasmettere epatiti e Aids, sia per scoprire valori ematochimici che possono rivelare patologie del donatore.

Sapevi che la donazione di sangue aumenta l’immunità e la resistenza ai traumi e il rischio di paralisi e ictus diminuisce del 30%?

Secondo uno studio pubblicato dal Journal of American Medical Association, le persone di età compresa tra 43 e 61 hanno un tasso molto più basso di attacchi di cuore, se sono regolari donatori di sangue. Inoltre, uno studio condotto in Finlandia su un gruppo di oltre 3.000 uomini ha dimostrato che gli uomini hanno la probabilità di un incidente cardiovascolare inferiore all’88% se sono donatori di sangue.

Ogni donatore ha il diritto di ricevere, su richiesta, un rapporto di analisi con i risultati delle prove eseguite.

Ne vale la pena, giusto?

Leggi anche: Influenza: in arrivo vaccino anche per i donatori di sangue

Ionela Polinciuc

Mi chiamo Ionela Polinciuc, sono nata in Romania e ho vissuto a Roma e Darfield. Amo viaggiare, e questo percorso mi ha permesso di conoscere altre realtà importanti e migliorare le mie capacità di adattamento a svariati contesti. La mia passione per scrivere, mi ha portato a collaborare con diversi giornali, da ormai 3 anni.