L’adroterapia, la nuova soluzione che combatte il cancro

-
09/09/2018

L’adroterapia è un nuovo modo per poter combattere tumori molto difficili. Scopriamo di cosa si tratta.

L’adroterapia, la nuova soluzione che combatte il cancro

E’ stata realizzata una nuova forma di radioterapia che sembra essere addirittura più forte di quelle normali che non sempre riescono ad aiutare la persona colpita dal cancro. Scopriamo qualcosa in più su questa nuova speranza contro il male del secolo, il cancro.

Che cos’è l’adroterapia?

L’adroterapia è una nuova forma di radioterapia, realizzata soprattutto per curare quei tumori che sono difficili da combattere con la tradizionale radioterapia ai raggi X o che non sono operabili. L’unica chance fino ad adesso per chi ha questi tumori, tra cui il cancro, sono stati degli interventi che demolivano altamente il paziente interessato.

Dove si trova l’adroterapia?

In Italia l’adroterapia è presente nel Centro nazionale di adroterapia oncologica di Pavia. Il centro è uno dei cinque presenti al mondo, ed è l’unico esistente in Italia capace di effettuare trattamenti sia coi protoni che con gli ioni di carbonio. Questi ultimi, in particolare, sono molto efficaci nel distruggere i legami chimici presenti nel DNA delle cellule tumorali, non permettendo, quindi, al DNA di rigenerarsi e di conseguenza condurre alla morte della cellula tumorale.

3f670763861139bf2201e7bc224257d4_L

Com’è fatta l’adroterapia

Come abbiamo già detto, l’adroterapia utilizza i protoni e gli ioni di carbonio che colpiscono i tessuti tumorali e permettono ai tessuti di sani di sopravvivere. Con essa è possibile somministrare dosi molto più intense di radiazioni, permettendo quindi di arrivare al successo della cura. Si tratta, pertanto, di un sistema computerizzato di attivazione ed orientamento del raggio che capisce lo spostamento delle cellule tumorali grazie ai movimenti respiratori. Quando il tumore si trova in una posizione favorevole, il raggio lo colpisce ed è fatta senza causare ulteriori danni.

Quando si usa l’adroterapia?

I casi in cui l’adroterapia viene utilizzata sono molto specifici. Secondo il Ministero della Salute, l’adroterapia deve essere necessariamente usata quando il tumore colpisce il sistema nervoso centrale, base cranica, cavità orbitarie, testa e collo, seni paranasali, cavità nasali, ghiandole salivari, ossi e sarcomi (tessuti molli). Intanto, il centro di Pavia attende di poter applicare a più casi come tumori ginecologici, neoplasie polmonari avanzati, i glioblastomi, i linfomi di Hodgkin e tumori pediatrici.


Leggi anche: Censis, il rapporto del 2020 su consumi, ricchezza, società e sussidi di welfare: l’effetto del coronavirus

xAiri,P20,28post,P20adroterapia,29,29_thumb_720_480.jpg.pagespeed.ic.h09qzfa3b9

leggi anche : Sclerosi multipla, come combatterla con il cibo