L’amaro svedese, un elisir del benessere, curativo e non solo

-
01/09/2018

L’amaro svedese è ottimo per risolvere numerose problematiche: vediamo di cosa si tratta, come può essere utile e la sua storia.

L’amaro svedese, un elisir del benessere, curativo e non solo

L’amaro svedese è una miscela composta da erbe svedesi e acquavite che può essere utilizzata per sanare diverse problematiche.

Esso viene raccomandato per numerosi problemi: indigestione, gonfiore, discinesia biliare, malattia epatica cronica, anoressia mentale, malattie della pelle e condizioni allergiche. Ma anche per influenza, cistiti, infezioni renali, disturbi intestinali, febbre, nausea, vermi intestinali, Thrombophlebitis, bruciore di stomaco e morsi di insetti.

L’amaro svedese è molto conosciuto anche perché:

  • Aumenta la vitalità e riduce la fatica
  • Riesce a mantenere il normale colesterolo nel sangue e la concentrazione di grasso
  • E’ ottimo per il mantenimento del normale funzionamento del sistema immunitario
  • Mantiene la capacità del corpo di adattarsi e rigenerarsi entro limiti normali
  • Protegge le cellule dallo stress ossidativo

Si tratta, di fatto, del prodotto della macerazione in alcol di ben 11 diverse piante. Queste, per la loro efficacia, sono note come fitoterapici.

L'amaro svedese, l'elisir del benessere

Inoltre contiene le seguenti piante:

  • Aloe (o polvere di Assenzio)
  • Mirra
  • Zafferano
  • Foglie di Cassia
  • Canfore (solo naturale, quindi quella cinese)
  • Rabarbaro radice
  • Radice di curcuma
  • Manna
  • Teriaca veneziana
  • Carlina radice
  • Angelica radice

L’amaro svedese si trova nelle erboristerie e nelle farmacie che trattano anche rimedi naturali. E’ importante che sia quello della ricetta di Maria Treben.

Sembra che l’amaro sia stato realizzato per la prima volta nel medioevo dal leggendario scienziato-alchimista Hohenheim Bombastus, detto Paracelso. Egli voleva creare un elisir di piante per prolungare la giovinezza: si può dire, praticamente, che ci sia riuscito. In seguito l’elisir ebbe un brillante successo e la ricetta è stata tramandata di padre in figlio.

Milioni di bottiglie sono state vendute in diverse formule (ad esempio con 16 piante, 12 piante, 8 piante e 180 piante) e diluizioni. Nonostante la sua popolarità, la ricetta originale agrodolce ancora non è nota oggi.


Leggi anche: Casa in donazione, dopo quanti anni si può vendere?