Lettera aperta della mamma di un bimbo affetto da Asperger a Grillo

-
28/10/2018

Sindrome di Asperger e la lettera per Beppe Grillo, ecco tutti i dettagli

Lettera aperta della mamma di un bimbo affetto da Asperger a Grillo

Una storia meravigliosa di una mamma e suo figlio in giro per l’Italia da quasi un anno a girare un film, raccogliendo storie e voci di diversità.

Ecco cosa è accaduto e cosa significa essere affetti da sindrome di Asperger

L’attrice e regista Sabrina Paravicini, insieme a Nino, suo figlio 12 enne, affetto dalla sindrome di Asperger, hanno messo quasi un anno di duro lavoro per realizzare un film che si chiama ‘’BE KIND’’, tradotto in italiano ‘’sii gentile’’.

Parte tutto dalle parole di Beppe Grillo sul palco della festa dell Movimento 5 stelle che ridicolizzavano le condizioni delle persone autistiche e persone affette da sindrome di Asperger. La signora Paravicini, la mamma del piccolo Nino, ha postato su Facebook proprio un pezzo che tratta dal film:

‘’ Qui a casa abbiamo la sindrome di Asperger, non abbiamo “un tono sempre uguale”, ci facciamo capire da tutti e siamo molto creativi, ma soprattutto siamo molto molto gentili, caro Beppe Grillo’’.

Leggi anche: Sindrome di Down, si laurea con 110 e lode e già pensa al futuro

Sindrome di AspergerDopo quella frase Beppe Grillo si è praticamente buttato benzina addosso, perché si è scatenata una polemica infinità: ‘’ Non li capisce nessuno, fanno esempi che non c’entrano un c…o’’, la frase ha fatto uscire fuori il putiferio.

Il film sarà presentato ad un grande evento in arrivo: Festa del Cinema Di Roma, il grande sogno del piccolo Nino è diventato realtà ed è entrato nelle grazie di Roberto Pavanello.

Se volete capire cosa significa essere diversi, in questo autentico film, un bambino di soli 12 anni, affetto da sindrome di Asperger, ci racconta cosa significa essere diversi.

Leggi anche: Quando l’arte è così immensa da farci stare male: la sindrome di Stendhal

Sindrome di Asperger, per chi non lo so, è un disturbo pervasivo dello sviluppo, imparentato con l’autismo, che tuttavia non presenta compromissione dell’intelligenza, della comprensione e dell’autonomia, a differenza delle altre patologie classificate in questo gruppo.