L’inquinamento atmosferico può causare obesità e diabete: lo dice uno studio americano

-
15/03/2020

L’inquinamento atmosferico può provocare diabete e obesità.

L’inquinamento atmosferico può causare obesità e diabete: lo dice uno studio americano

Uno studio dell’University of Colorado Boulder dichiara che l’inquinamento atmosferico contribuisce in modo determinante alla stimolazione dell’obesità e del diabete: vediamo perché.

L’inquinamento atmosferico potrebbe essere motivo di obesità e diabete

Uno studio americano attribuisce all’inquinamento atmosferico conseguenze pesanti sul metabolismo, in particolare sull’aumento di peso e, di conseguenza, sull’obesità. Tra gli effetti negativi dell’inquinamento ci sarebbero, quindi, problemi non solo per l’apparato respiratorio, come si è sempre pensato.

Secondo questi studi americani l’inquinamento atmosferico può provocare alterazioni della flora batterica intestinale, può mutare il metabolismo e quindi aumentare il rischio di obesità e di diabete. Inoltre lo studio conferma che anche disturbi gastrointestinali e malattie definite croniche possono essere causati dall’eccessivo inquinamento.

Lo studio è stato fatto in California e sono stati presi in esame 101 adulti; sono stati analizzati dei campioni fecali, per ricavare dati relativi alla flora batterica dell’intestino di ogni soggetto. In seguito, tali dati, sono stati confrontati con quelli legati ai livelli dell’inquinamento atmosferico. In particolare era importante vedere quale fosse la percentuale di presenza di ozono, di particolato o di diossido di azoto.

I risultati hanno portato delle conclusioni non buone per quanto riguarda la presenza di ozono; infatti, tali valori sono risultati alti. La presenza di ozono porterebbe alla riduzione dell’11% della varietà di batteri che sono presenti nell’intestino. Questo viene indicato d studi molto recenti come un fattore probabile di rischio di obesità e diabete.

Inoltre l’elevata quantità di ozono andrebbe ad incrementare laa presenza di un batterio molto pericoloso, il Bacteroides caecimuris. Secondo alcuni studi, ciò confermerebbe che i livelli alti di questo microrganismo risultano associati al fenomeno dell’obesità.

Ricordiamo che il problema dell’obesità è un problema che colpisce tutto il mondo; ne sono affette persone di tutte le età, anche bambini e, per questo motivo, bisogna cercare quanto più possibile di capirne bene tutte le cause.


Leggi anche: Pensioni e legge di bilancio 2021, riparte l’indennizzo ai commercianti