Lo yogurt non fa aumentare i livelli del calcio

Lo Spot sullo yogurt Danone è stato giudicato ingannevole; è stato fatto credere al consumatore che lo yogurt fa aumentare i livelli del calcio.

Respinto il ricorso al Tar del Lazio, lo spot è stato giudicato ingannevole, è stato fatto credere al consumatore che lo yogurt fa aumentare i livelli del calcio. È davvero ingannevole pubblicizzare uno yogurt con elevato contenuto di calcio e far credere al consumatore che basta assumerlo ogni giorno per integrare la metà di calcio nel nostro fabbisogno giornaliero. Il Tar del Lazio lo ha deciso con sentenza 7123/2019 che conferma la decisione dell’AGCM sul caso Danaos.

Il caso Danone: sport ingannevole dello yogurt

Il caso: la Danone aveva fatto ricorso contro l’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato, per chiedere l’annullamento del provvedimento emanato nell’ottobre del 2012. L’autorità aveva accertato che Danone spa aveva fatto una pratica commerciale scorretta, a mezzo spot televisivi, telepromozioni e sul sito internet, finalizzata a promuovere il prodotto Danaos, uno yogurt integrato da calcio e vitamina D, inducendo in errore il consumatore, e in conseguenza della quale aveva vietato l’ulteriore diffusione della campagna pubblicitaria oggetto di denuncia e aveva irrogato alla stessa una sanzione pecuniaria di euro 180 milioni.

L’AGCM ha evidenziata la condotta scorretta della Danone, e di conseguenza la sanzione che era incentrata sull’argomento relativo alla modalità con cui era stata illustrata l’assunzione di calcio in larga parte della popolazione femminile e si soffermava sull’ingannevolezza del messaggio dove evidenziava la carenza di calcio su 2 donne su 3, e che tale carenza poteva essere colmata con l’assunzione del prodotto reclamizzato, quando invece questa carenza si poteva colmare tranquillamente con una corretta alimentazione.

Dieta dello yogurt: sgonfia la pancia e fa perdere 3 Kg in 7 giorni

La sentenza del Tar Lazio 

Per questo Danone spa contestava innanzi al Tar del Lazio le motivazioni dell’AGCM, contestazioni respinte dal Tar del Lazio, che a loro volta hanno condannato Danone a pagare anche le spese legali. Nella sua motivazione, dichiara il Presidente dello Sportello dei Diritti, richiama prima di tutto gli articoli 20, 21 e 22 del Codice del Consumo e altra normativa e giurisprudenza di settore.

In ragione di un contenuto di calcio nello yogurt Danaos, pari a 400 mg, risulta ingannevole non in relazione al contenuto dello yogurt in sè considerato, ma in quanto la razione minima di calcio raccomandata per i destinatari, le donne di età matura, può essere anche superiore agli 800 mg/die, gli studi infatti affermano che i livelli di assunzione giornaliera raccomandati, si attestano tra 1200/1500 mg/die, con l’effetto che un contenuto di calcio pari a 400 mg/die non rappresenta, come viene detto nella pubblicità ingannevole, al 50% del calcio quotidiano raccomandato.