Lotta ai tumori: le cure sono efficaci grazie ad alcuni semi d’uva

-
01/11/2019

Cure tumorali, una nuova scoperta ci dice che si possono curare anche con i semi di uva.

Lotta ai tumori: le cure sono efficaci grazie ad alcuni semi d’uva

Sconfiggere i tumori è una sfida alla medicina continua e una nuova ricerca italiana ha dimostrato che i semi dell’uva riescono a bloccare le cellule di mesotelioma e possono rendere più efficaci le terapie antitumorali. La lotta a questo tipo di cancro molto aggressivo, il mesotelioma, è nato dalla collaborazione tra ENEA, CNR e Università Federico II di Napoli.

Andiamo a conoscere questo tipo di tumore, il mesotelioma

È una forma di tumore maligno molto raro ma anche molto aggressivo che colpisce il mesotelio, per chi non lo sapesse, è un sottile rivestimento che avvolge la maggior parte dei nostri organi interni. È collegato quasi sempre all’esposizione all’amianto e aumenta la sua incidenza del 6% l’anno.

Questa nuova ricerca ha dimostrato che nei semi d’uva ci sono molecole che aiutano a bloccare la crescita delle cellule maligne di questo tumore, e queste stesse molecole sarebbero utili a rafforzare le comuni terapie antitumorali come la chemioterapia.

Lo studio è stato fatto su dei vinaccioli campani, uve di Aglianico e Falanghina, ricchi di proantocianine, con un forte potere antiossidante e in grado di indurre nelle cellule tumorali l’apoptosi, ossia la morte cellulare, anche dove c’è resistenza di farmaci.

L’indagine molecolare ha confermato soprattutto che i semi di Aglianico ad essere i più ricchi di proantocianine riducendo la vitalità delle cellule del mesotelioma del 40% dopo 24 ore, mentre quelle della Falanghina del 30%.

Una cosa è certa, servono sicuramente ulteriori studi e un approfondimento maggiore, ma sembra che si stia andando verso una strada giusta, gli estratti di semi di uva soli o in combinazione con i farmaci tumorali standard, possono diventare nel tempo una nuova arma contro il mesotelioma, è questa cosa penso che la sperano un pò tutti, sarebbe un altro passo avanti per sconfiggere questa bruttissima malattia che a volte colpisce senza farci capire nulla.

Scoperta una proteina killer per chi soffre di tumore al colon-retto