Maggio: controlli gratuiti malattie venose (gonfiore, pesantezza, dolore alle gambe). Ecco come prenotare

Controlli gratuiti nel mese di maggio per non sottovalutare i sintomi della Malattia Venosa cronica, quali gonfiore alle gambe, pesantezza, dolore. Ecco il numero da chiamare.

Controlli gratuiti per non sottovalutare i sintomi della Malattia Venosa cronica, quali gonfiore alle gambe, pesantezza, dolore. Un gruppo di specialisti, farmacisti e medici di famiglia, uniti per evitare che una patologia cronica non curata, peggiori nel tempo.La campagna del mese di maggio è stata promossa da Servier – Azienda farmaceutica indipendente leader nell’ambito delle patologie croniche – con la validazione e il supporto scientifico della SIDV, la Società Italiana Diagnostica Vascolare e della FIV, Fondazione Italiana Vascolare onlus.

Malattie venose: controlli gratuiti, chiamare al numero 800 042 650

L’invito è quello di prendersi cura delle proprie gambe e per tutto il mese è possibile prenotare una visita gratuita con i medici della SIDV, il numero verde da chiamare per la prenotazione è: 800 042 650 è possibile telefonare dal lunedì al venerdì dalle 09.00 alle 13.00 e dalle 14.00 alle 18.00.

Per conoscere ulteriori informazioni sulla campagna, andare sul sito www.amaletuegambe.it, oppure è possibile chiedere informazioni nelle principali farmacie italiane.

La malattia venosa cronica non è ereditaria, ma quando c’è un componente della famiglia che ne soffre, è importante prestare molta attenzione, anche dai primi sintomi lievi. Un controllo è la prima cosa da fare.

Angelina Tortora

Scrivere è passione, è vita, mi accompagna da quando ero bambina. Attraverso la scrittura posso comunicare notizie, idee e soprattutto aiutare gli altri. In un mondo dove tutto va all’incontrario, e dove tutto è confusione, il mio obiettivo è quello di diffondere notizie che aiutino. NotizieOra rappresenta la realizzazione di un sogno, dove esprimersi è libertà, è passione. “Solo attraverso la scrittura possiamo avere notizia di uomini che ci hanno preceduto e scoprire in cosa si sono distinti. E, come i classici insegnano, se si ha memoria di qualcuno, se ne protrae l’esistenza.”