Mia mamma una guerriera fino alla fine, il cancro ha portato via il mio prezioso angelo

-
02/04/2019

Mia mamma ha iniziato la sua lotta contro il cancro all’età di 40 anni, sono stati lunghi periodi di sofferenza, di angoscia ma soprattutto di paura..

Mia mamma una guerriera fino alla fine, il cancro ha portato via il mio prezioso angelo

Mia mamma ha iniziato la sua lotta contro il cancro al rene nel 2011 all’età di 40 anni, sono stati lunghi periodi di sofferenza, di angoscia ma soprattutto di paura. È stata una grandissima guerriera ha cercato in tutti i modi di combatterlo per 8 lunghi anni, ma alla fine a febbraio ci ha lasciato, non riusciva più a lottare era diventato troppo forte e doloroso. Il vuoto che ha lasciato non potrà essere più colmato, morendo un genitore muore con una  parte della nostra vita… Purtroppo è la malattia del secolo, non pensiamo che le cure servono a salvarci perché sono solo un allungamento delle nostre sofferenze.

Il cancro è una malattia che non perdona e che se non si aboliscono tutti queste sostanze chimiche, e non si ripulisce il mondo da queste sostanze che stanno distruggendo molte famiglie, siamo costretti a dire che “siamo morti che camminano”, perché il cancro prenderà anche noi.

Un abbraccio a tutte le persone che lottano e che hanno lottato, come il mio prezioso Angelo che ha combattuto fino al suo ultimo respiro. 

Le storie di vita e di sofferenza

Mamma amputata, il cancro ha preso mia figlia Irene, guerriera col sorriso

Il cancro ha rubato i nostri genitori, lasciandoci sole a sopravvivere

Il mio amico Salvuccio, a 18 anni stroncato dal cancro, una canzone per lui, per noi

Il cancro si porta via i fari della vita, nella “terra dei fuochi”, si sopravvive


Leggi anche: Pensioni, pagamento anticipato di febbraio 2021: si parte il prossimo 25 gennaio 

Il cancro prende le nostre vite, i nostri cari, i nostri sorrisi

Vorrei raccontare la storia del popolo che piange i familiari morti di cancro, che lotta contro un sistema ingiusto che non tutela la salute dei cittadini. La storia di gente che ogni giorno deve lottare sperando di non ammalarsi e di non vedere i propri cari cadere vittime del cancro. Genitori, figli che piangono i loro cari morti ingiustamente a causa di un sistema corrotto che si gira dall’altra parte di fronte ad un ecosistema inquinato che mette a rischio la salute di molti, troppi. Vorrei dare voce al popolo e sensibilizzare più persone possibili, nella speranza che qualcosa si muova. Tutti uniti contro la lotta della vita, perché vivere è un diritto che non ci può essere negato. Solo se siamo uniti vinceremo contro un sistema che preferisce seppellire anziché dare vita. 
Raccontatemi la vostra storia, il vostro appello, mandatemi una mail a: [email protected]