Parmigiano dannoso? Giù le mani dal Parmigiano Reggiano Dop!

-
19/07/2018

Qualcuno avrebbe definito anche il Parmigiano Reggiano dannoso al pari di una sigaretta. Le precisazioni del OMS.

Parmigiano dannoso? Giù le mani dal Parmigiano Reggiano Dop!

Qualcuno avrebbe definito anche il Parmigiano Reggiano dannoso al pari di una sigaretta.

L’Organizzazione mondiale della sanità e l’ONU hanno dichiarato guerra a diabete, cancro e malattie cardiovascolari: malattie non trasmissibili i cui morti dovranno essere ridotti. Fra i comportamenti sotto accusa ci sono quelli alimentari tanto che qualcuno avrebbe definito anche il Parmigiano Reggiano dannoso al pari di una sigaretta.

parmigiano-reggian Il Parmigiano Reggiano è uno degli alimenti fondamentali della nostra dieta.  Viene utilizzato ed apprezzato dai piccoli e dagli anziani, dando energia naturale.  Siamo inondati e affetti da una serie di intolleranze alimentari tipo quella al lattosio,  ma per effetto del  suo processo produttivo, certificato dal consorzio,   è naturalmente privo di lattosio già dopo 48 ore dalla nascita.

Se la notizia fosse vera non si può accettare una simile accusa che sembrerebbe più un ennesimo attacco al made in Italy.

Francesco Branca, direttore del dipartimento di nutrizione dell’OMS dichiara in merito: “L’OMS non criminalizza determinati cibi ma raccomanda politiche che promuovano un consumo parsimonioso degli alimenti che hanno alti contenuti di sodio, zuccheri o grassi saturi.  L’OMS raccomanda ai governi politiche per un’adeguata informazione, nelle scuole ad esempio, ma anche direttamente presso il consumatore con un’etichettatura dei prodotti in grado di fornire chiare informazioni sul loro contenuto”.

Si sarebbe alzato come ormai una moda un polverone?

In attesa della riunione del 27 settembre prossimo, senza esagerare continuiamo a gustare i nostri prodotti frutto della tradizione e made in Italy. Il troppo in ogni settore guasta sempre!


Leggi anche: Pensioni anticipate dai 62 anni: le novità sulla ipotesi contributiva e lo stop dei sindacati