Pesticida per arance e pere: fate attenzione è pericoloso per i bambini

-
27/02/2020

Attenzione ai pesticida che vengono usati per arance e pere.

Pesticida per arance e pere: fate attenzione è pericoloso per i bambini

Esiste un pesticida che viene messo sulle arance e sulle pere, è molto pericoloso, bisogna fare molta attenzione, essere molto attenti, dal 31 gennaio di quest’anno questo pesticida è stato vietato dalla Comunità Europea, non c’è ancora la certezza che tutti abbiano aderito al divieto di usarlo. Questo pesticida servirebbe per combattere la cimice asiatica, molto pericolosa per le coltivazioni, in particolare di arance, pere e funghi, è molto pericoloso per i bambini, va ad alterare le zone del cervello con danni da non sottovalutare, pericoloso anche per tutte le donne incinte, può causare danni al feto.

Vediamo come si chiamano questi pesticidi che vengono usati per arance e pere

Il pesticida che veniva usato per le arance si chiama chlorpyrifos, quello per veniva usato per le pere chlorpyrifosmethyl. Prima che venisse definitivamente vietato sono state fatte delle analisi sui campioni di dieci arance e dieci pere, e i risultati sono stati che sul 40% delle arance è stato trovato questo pesticida mentre sulle pere le coinvolte erano il 20%.

Il portale vuole portare a conoscenza che bisogna fare attenzione per i bambini, infatti per gli adulti il pericolo sorge se il pesticida viene assunto in un quantitativo che corrisponde a 4 arance come dose consentita dalle normative dalla legge, ai bambini 2, ai più piccoli una.

Dagli studi fatti in laboratorio le pere risultano quelle che hanno subito più trattamenti e per questo motivo sono più a rischio. Da sapere anche che la cimice asiatica come frutto da attaccare sceglie la pera e le arance, ma attacca molto anche i funghi, quindi fate attenzione voi adulti, ma fate ancora più attenzione se ci dovessero essere dei bambini che mangiano funghi, non esagerate con i quantitativi.


Leggi anche: Fondi pensione e previdenza integrativa sempre più importanti: cosa sono, come funzionano

A parte il divieto ultimo imposto, ci si chiede come mai non ci possa essere una soluzione alternativa e addirittura più efficiente per cercare di limitare i rischi al massimo.