Si allarga il richiamo delle uova Conad e Amadori “Oliviero Claudio”: rischio contaminazione biologica

-
29/01/2020

Allerta per le uova a rischio contaminazione vendute con marchio Amadori e Conad.

Si allarga il richiamo delle uova Conad e Amadori “Oliviero Claudio”: rischio contaminazione biologica

Si allarga l’allerta delle uova appartenenti all’azienda agricola “Oliviero Claudio”, stiamo parlando sempre delle uova vendute con marchi importanti come Amadori e Conad, per cui la stessa Amadori ha chiuso il rapporto con l’allevamento che ha causato l’allerta.

Andiamo a vedere le i nuovi lotti che sono oggetto del richiamo delle uova in questione

Il Ministero della Salute ha disposto il ritiro immediato dei nuovi lotti delle uova biologiche per un rischio grave e possibile di contaminazione microbiologica. Sul sito del Ministero c’è chiarezza sull’accaduto, le uova in oggetto dell’allerta sono quelle prodotte dall’azienda “Oliviero Claudio” nello stabilimento di Cuneo, e vendute con i marchi Verso Natura Conad, Amadori e Cascina Italia.

Esattamente il richiamo del prodotto riguarda le confezioni da 4 uova, il numero di lotto precedente era stato il 5528139926 con la data di scadenza 8 febbraio 2020.

Mentre prima il richiamo riguardava solo le confezioni da 4 uova, oggi il richiamo è allargato alle confezioni da 6 uova e anche a quelle sfuse, ecco i nuovi lotti che interessano l’allerta:

  • 1A130120, 2A130120 e 2C130120 con la data di scadenza del 10 febbraio 2020
  • 1A130120 e 2C140120 con la data di scadenza dell’11 febbraio 2020

Viene consigliato ai consumatori di non usare il prodotto in questione, può essere pericoloso per la salute, si possono portare tranquillamente al punto vendita dove sono stati acquistati per farseli cambiare o chiedere il totale rimborso della cifra pagata, non necessita di scontrino fiscale che ne attesta l’acquisto.


Leggi anche: Contact center INPS: numero verde dall’Italia e dall’estero

Intanto Amadori, tramite un comunicato fa sapere a tutti di aver sospeso ogni tipo di rapporto commerciale con l’allevamento che gli ha causato questo problema, interrompendo la fornitura delle uova e di ogni altra cosa da questa azienda.