Riposo pomeridiano: tutto quello che devi sapere per ricaricare le tue energie

-
17/09/2020

Il riposo pomeridiano fa bene? Qual è la sua durata ideale e quando invece si rischia di dormire troppo? Il riposo pomeridiano non è neppure adatto a tutte le età. Ecco tutto quello che devi sapere al riguardo.

Riposo pomeridiano: tutto quello che devi sapere per ricaricare le tue energie

Riposo pomeridiano: se consumato secondo la giusta durata, ristabilisce l’equilibrio di corpo e mente e risulta estremamente salutare per l’intero organismo. La qualità e la durata del riposo molto variano in base all’età e ai periodi della vita. Ecco tutto quello che devi sapere sul sonno.

Riposo pomeridiano: qual è la durata ideale

Il riposo pomeridiano deve avere la giusta durata. Questo mette d’accordo tutti gli specialisti del settore: dormire troppo rischia di avere un effetto controproducente. La durata ottimale è tra i 20 ed i 40 minuti massimo. Oltre questo tempo, il riposo pomeridiano può diventare svantaggioso. Può stupire, ma una durata eccessiva della pausa pomeridiana può comportare anche l’insorgere di malattie come il diabete di tipo 2 o il colesterolo. All’estremo opposto, accumulare stanchezza per giornate intere rischia di compromettere la salute del nostro corpo e il benessere psico-fisico. In venti o trenta minuti il corpo dispone del tempo consono per ricaricare le energie, la stessa mole di energie di cui si dispone appena svegli. Al contrario e come molti avranno avuto modo di notare, un riposo prolungato ci fa sentire storditi  e stanchi come se non avessimo mai dormito. Un altro trucco? Anche le ore di riposo notturno dovrebbero essere esattamente 8 (al massimo 9). Provate per una settimana e noterete netti miglioramenti.

Quanto l’età influisce sulla qualità del nostro sonno:

Sono tante le mamme che s’interrogano sull’importanza o meno di educare i loro bambini al riposo pomeridiano. Per i più piccoli, si tratta quasi di un’esigenza fisiologica che diviene un vero e proprio rituale quotidiano. Il riposo pomeridiano dei più piccoli è diverso da bambino a bambino. Non preoccupatevi se vi pare che il vostro piccolo non dorma a sufficienza e non siate timorose neppure del contrario. Ogni bambino dispone un po’ del proprio “ orologio fisiologico”, che abbisognerà del suo tempo per potersi ricaricare. Le loro dormite dovrebbero essere collocate tra le 13 e le 16, orario in cui i bambini sono infatti soliti strofinare gli occhi ( chiaro segnale di una loro stanchezza fisica), ma molto varia da bimbo a bimbo.


Leggi anche: Riposo settimanale per i collaboratori domestici: ecco come gestirli