Seno, quando i dolori e i gonfiori sono nella norma e quando no

Spesso le donne accusano dolore e gonfiore nel proprio seno, alcune volte questi sintomi risultano essere nella norma, altre volte bisogna preoccuparsi.

Parlare del seno e dei suoi dolori ci può far solo pensare ad una cosa: cancro. Certo, al giorno d’oggi, se lo si riesce a scoprire in tempo, il cancro al seno può essere combattuto e sconfitto. La cosa basilare che ogni donna, ma anche ogni uomo, devono conoscere è il fatto che il seno è una parte del corpo della donna molto sensibile e delicata. Pertanto, non deve essere trascurata la sua salute, anzi bisogna prendersene cura con attenzione durante tutto l’arco della vita.

Dolori e gonfiore al seno, quando l’autopalpazione può salvarci

La prima cosa che dovrebbe essere insegnata nelle scuole o in altri enti è l’autopalpazione che ogni ragazzina, donna che sia dovrebbe conoscere, dato che questa malattia non risparmia nessuno. Ovviamente, con l’autopalpazione non scopriamo subito se abbiamo un tumore o meno, ma possiamo capire la presenza di noduli o cisti all’interno del tessuto ghiandolare. Quando avvertiamo un particolare gonfiore, oppure dolore al nostro seno, dobbiamo anche essere in grado di distinguere se tali sintomi sono normali, oppure se davvero dobbiamo iniziare a preoccuparci.

Iniziamo a parlare del primo caso. Prima di arrivare a conclusione affrettate, dobbiamo sapere che durante l’età fertile c’è la possibilità di avvertire dolori e gonfiore al seno ma in tal caso, questi sintomi sono del tutto nella norma, per poi scomparire con l’arrivo della menopausa. Quando poi le donne sono in fase di gravidanza, possono ripresentarsi sia il dolore che il gonfiore del seno a causa della secrezione di un ormone chiamato prolattina, che prepara il seno all’allattamento.

Dobbiamo iniziare a suonare i campanelli di allarme quando dolore e gonfiore si presentano al di fuori del ciclo mestruale e quando non siamo in fase di gravidanza. In tal caso, la loro natura è tutt’altro che diversa. Facendo i nostri conti, e vediamo che questi sintomi del seno, tipici in fase premestruale, si presentino troppo in anticipo, allora facciamo l’autopalpazione per poi rivolgerci al medico o alla ginecologa.

Questo non significa che tali due sintomi indichino la presenza di un tumore nel nostro seno, ma è comunque bene parlarne con chi è esperto nel settore dato che possono presentarsi sia in chi ha il seno piccolo che in chi ha il seno grande. Se alla fine della autopalpazione troviamo delle presenze strane, allora è arrivato il momento di chiedere aiuto.

Katia Russo

Sono Katia, ho 21 anni e sono una studentessa di Lettere Moderne. Fin da piccola la scrittura e la lettura mi hanno sempre affascinato, e crescendo, ho iniziato ad interessarmi di cinema e di arte. Sono una grande curiosona e mi piace trasmettere qualsiasi informazione utile.