Spray nasale e farmaco antidepressivo, ritirati dalle farmacie, rischio per la salute, marca e lotti

Spray nasale e farmaco antidepressivo, ritirati dalle farmacie per difetti nella confezione e nella produzione, rischio per la salute, marca e lotti

Farmaco Spray nasale, arriva il ritiro immediato dalla vendita sia in Italia che in Europa. Il farmaco in questione è il PECFENT, farmaco spray nasale contenente fentanil (antidolorifico oppioide), indicato per il trattamento del dolore episodico intenso di tipo oncologico (breakthrough cancer pain). A disporre il ritiro è stata l’Agenzia europea dei farmaci (Ema), dopo la segnalazione di un difetto nella chiusura del medicinale, che può causare l’evaporazione del contenuto, il rischio è che il paziente possa ingerire una dosa prescritta diversa.L’Aifa, per questo motivo ne ha disposto il ritiro immediato anche in Italia.

Spray nasale: lotto ritirato

Il lotto del farmaco ” PECFENT*SPR NAS 4FL 400MCG/D – AIC 040328041″, sono il n. 54309 17 con scadenza 10/2022, l’azienda produttrice è  Molteni & C. F.lli Alitti Spa. Il comunicato pubblicato dall’AIFA:

“L’Agenzia Italiana del Farmaco ha disposto il ritiro, a scopo cautelativo, del medicinale PecFent spray nasale 400 microgrammi/erogazione, 4 flaconi da 1,55 ml (AIC 040328041), limitatamente al numero di lotto 54309 17 con scadenza 10/2020, di cui è titolare Kyowa Kirin Holdings B.V., rappresentata in Italia da Molteni Farmaceutici. 

Il medicinale oggetto di ritiro è indicato per il trattamento del Dolore Episodico Intenso (DEI – Breakthrough Pain) negli adulti già sottoposti a terapia di mantenimento con oppioidi per il dolore oncologico cronico. 

Il provvedimento è stato disposto a seguito della comunicazione da parte dell’Agenzia Europea per i Medicinali (EMA) in merito ai reclami pervenuti da Francia, Spagna ed Israele, paesi nei quali sono stati segnalati casi di evaporazione del prodotto a causa di un difetto nel sistema di chiusura dei flaconi. 

In caso di completa evaporazione della soluzione, nessuna dose può essere erogata dal flacone ed il difetto è pertanto prontamente individuabile, a livello visivo, per la presenza di precipitato all’interno del flacone vuoto. 

In caso di parziale evaporazione, invece, è ipotizzabile che la maggiore concentrazione della soluzione porti ad una difficoltà nell’erogazione del prodotto mediante il sistema di nebulizzazione della pompa. 

È inoltre possibile che, con il processo di concentrazione della soluzione, si formi del precipitato biancastro, individuabile visivamente all’interno del flacone, che comporti a sua volta il blocco della pompa stessa. 

I pazienti che siano in possesso di confezioni del medicinale PecFent spray nasale 400microgrammi/erogazione con numero di lotto 54309 17 e scadenza 10/2020, devono, pertanto, restituire la confezione in farmacia e rivolgersi al proprio medico per una nuova prescrizione.

Si ricorda di rivolgersi al medico  o al farmacista qualora si manifestasse un qualsiasi effetto indesiderato”.

Farmaco antidepressivo

Disposto dall’AIFA, l’Agenzia italiana del farmaco, il ritiro di un antipertensivo della ditta Doc Generici Srl.  Il lotto in questione è il n.  LC29642 con scadenza luglio 2019, si tratta del farmaco: IRBESARTAN ID DOC*28CPR 300+25 – AIC 040799102. Il ritiro è stato comunicato al Comando dei Carabinieri per la Tutela della Salute è invitato a verificare.

Comunicato AIFA

“L’Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA) comunica il ritiro da parte della ditta Doc Generici Srl di un lotto del medicinale “Irbesartan + HCT Doc Generici 300 + 25 mg 28 compresse” per la presenza di una impurezza derivante dal processo di produzione della materia prima.

Il lotto interessato è il seguente: lotto n. LC29642 scad. 07/2019, AIC n. 040799102″.

Leggi anche: Farmaco per il mal di testa ritirato dal commercio: ecco perché

Redazione

Notizie scritte dalla redazione di cronaca, notizie, salute, viaggi, gastronomia e musica di NotizieOra.