Superbatterio New Delhi: ecco come si trasmette e quali sono i sintomi

-
14/09/2019

Il superbatterio dell’epidemia in Toscana colpisce in particolar modo le persone più deboli: vediamo come agisce.

Superbatterio New Delhi: ecco come si trasmette e quali sono i sintomi

Anche se sta facendo molto parlare si se, l’epidemia che sta colpendo il nord- ovest della Toscana causata dal superbatterio New Delhi non è una novità per l’Italia. Giovanni Rezza, direttore del dipartimento malattie infettive dell’Iss, fa presente che “Il New Delhi è un ceppo nuovo di Klebsiella, un batterio multiresistente ai farmaci che in passato ha colpito tanti nostri ospedali. Questi microrganismi si trasmettono attraverso le mani degli operatori sanitari o procedure mediche invasive, ferite, il contatto con dispositivi medici infetti o feci dei pazienti colonizzati. Anche un paziente che passa da un ospedale all’altro lo può diffondere”.

Superbatterio New Dehli: come si trasmette

In Toscana il superbatterio ha già causato 31 morti in meno di un anno infettando 75 pazienti. Si tratta del New Dehli Metallo beta-lactamase, un enzima prodotto da batteri che si trovano nel nostro intestino. Tale enzima, però, è in grado di distruggere numerosi tipi di antibiotici utilizzati per le infezioni.

Fu isolato già nel 2008 in un cittadino della Svezia che era stato ricoverato nell’ospedale di New Dehli in India (proprio dal primo caso verificatosi il batterio ha preso il nome).

“Finora in Italia era stato sporadico – fa presente Rezza -. Ma se trova le condizioni per circolare, scarsa igiene degli ambienti per esempio e uso poco prudente degli antibiotici, l’ospedale da luogo protetto di cura diventa un posto potenzialmente pericoloso”.


Leggi anche: Soldi depositati in banca: non sono più i tuoi, a dirlo la legge

Il batterio colpisce i pazienti più esposti “Il 50 per cento sono malati di cancro. In generale le vittime sono anziani, immunodepressi, trapiantati, chi ha malattie concomitanti come cardiopatia e diabete” spiega Francesco Menichetti, della task force di Pisa.