Test HIV gratuito (anonimo) per tutti con codice B01, ecco come fare

-
22/08/2018

Per sapere se si è stati contagiati dall’HIV, basta sottoporsi al test anti-HIV, si effettua con un normale prelievo di sangue, è gratuito e anonimo.

Test HIV gratuito (anonimo) per tutti con codice B01, ecco come fare

E’ possibile eseguire il test dell’HIV gratuito nelle strutture pubbliche, con il codice di esenzione B01 da annotare sulla ricetta. Per sapere se si è stati contagiati dall’HIV è sufficiente sottoporsi al test specifico per la ricerca degli anticorpi anti-HIV che si effettua attraverso un normale prelievo di sangue. Il test è in grado di identificare la presenza di anticorpi specifici che l’organismo produce nel caso in cui entra in contatto con questo virus. Analizziamo come fare e la normativa di riferimento.

Test anti-HIV gratuito per tutti

Nelle strutture pubbliche, il test anti-HIV, in grado di identificare la presenza di anticorpi specifici che l’organismo produce nel caso in cui entri in contatto con questo virus, è:

  • anonimo, come prevede la Legge 135 del 1990;
  • gratuito, come specificato nel Decreto legislativo n. 124 del 1998 (“sono escluse dalla partecipazione al costo le prestazioni finalizzate alla prevenzione della diffusione dell’infezione da HIV limitatamente all’accertamento dello stato di infezione, in favore dei soggetti appartenenti a categorie a rischio, con comportamenti a rischio o incidentalmente esposti a rischio di infezione”) e ribadito nell’Intesa Stato, Regioni e Province Autonome del 27 luglio 2011, art. 2. Il codice di esenzione, da annotare sulla ricetta, per queste prestazioni è B01.

Test anti – HIV non è obbligatorio


Leggi anche: Pensioni e legge di bilancio 2021, riparte l’indennizzo ai commercianti

Il test non è obbligatorio, ma se si sono avuti comportamenti a rischio sarebbe opportuno effettuarlo. Per eseguire il test, nella maggior parte dei servizi, non serve ricetta medica; è gratuito e anonimo.

Le persone straniere, anche se prive del permesso di soggiorno, possono effettuare il test alle stesse condizioni del cittadino italiano.

Il Ministero della Salute ha attivato con Decreto Ministeriale 31 marzo 2008, in accordo con le Regioni e Province Autonome, il sistema nazionale di sorveglianza delle diagnosi delle nuove infezioni da HIV.

Numero verde per informazioni sull’infezione HIV

Per avere informazioni scientifiche e aggiornate sull’infezione Hiv, sull’Aids e sulle malattie trasmesse per via sessuale, si può telefonare da qualsiasi parte d’Italia al Numero verde 800-861061 dell’Istituto superiore di sanità.

Come combattere l’HIV con la terapia antiretrovirale

La terapia antiretrovirale (ART) è oggi riconosciuta di indubbio beneficio per la persona con HIV, per bloccare la replicazione virale, prevenire le complicanze ed evitare la forma conclamata della patologia detta AIDS (Sindrome da Immunodeficienza Acquisita) garantendo così una prospettiva di vita a lungo termine del paziente, ma anche come strumento efficace per ridurre notevolmente la possibilità di trasmettere l’infezione (TasP). In conseguenza, anche se al momento non è possibile eradicare l’infezione da HIV (ossia guarire definitivamente da essa), la diagnosi tempestiva di HIV e la presa in carico dei pazienti da parte delle strutture competenti, oltre che servire alla cura dei pazienti stessi, rappresentano un intervento di sanità pubblica in grado di ridurre la trasmissione del virus.


Potrebbe interessarti: Soldi depositati in banca: non sono più i tuoi, a dirlo la legge

La ART oggi è basata su un’ampia scelta di farmaci e regimi, che vanno dalle molecole di nuova generazione ai farmaci già in uso da tempo ancora attivi, cui, dopo la scadenza brevettuale, si aggiungono i farmaci equivalenti. Per essere efficace ed evitare/ridurre il rischio d’insorgenza di resistenze, deve essere non solo condotta nel rispetto dei principi che ne garantiscano un’efficacia duratura, ma anche personalizzata a seconda delle caratteristiche cliniche, sociali e comportamentali del paziente. Essa richiede un’assunzione assidua, esigendo a tal fine una tollerabilità sostenibile dal paziente, al fine di garantire la continuità della cura e l’indispensabile adesione del paziente.

Fonte: Ministero della Salute

test HIV