Trombosi: riconoscerne subito i sintomi è importante

-
01/12/2019

Trombosi: importante riconoscerne I sintomi e fare una buona prevenzione.

Trombosi: riconoscerne subito i sintomi è importante

La trombosi è una malattia cardiovascolare molto diffusa e molto pericolosa, la sua formazione e la sua patologia è determinata da formazione di trombi, o meglio dai grumi che si vanno a creare nei vasi sanguigni che vanno ad impedire la corretta circolazione del sangue.

Trombosi: vediamo come si può riconoscere e le differenti tipologie

La trombosi si può manifestare in vari modi e bisogna fare attenzione a non sottovalutarla. La sua manifestazione si può avere sottoforma di gonfiore della parte interessata o con dolore alle gambe, in alcuni casi si manifesta con febbre e con frequenza cardiaca accelerata. Poi possiamo non avvertire nessun allarme, e questa è la più rischiosa, si possono avere problemi respiratori, ictus o infarto. Caso limite ma gravissimo e che la trombosi si può trasformare in embolia con conseguente rischio di compromissione degli organi vitali.

La trombosi si suddivide in trombo venoso o trombo arterioso, può essere profonda o superficiale, dipende dalla gravità di ostruzione e dal flusso sanguigno, le conseguenze possono essere gravi, infarto o ictus. La trombosi più diffusa è quella venosa, colpisce gli arti inferiori, gambe e cosce. Poi c’è la trombosi oculare che colpisce l’occhio, poi abbiamo la cerebrale e la polmonare.

Ma si può guarire dalla trombosi? Quali possono essere le cure?

La tempestività della diagnosi è fondamentale, la cosa da fare in caso di una comparsa dei sintomi è fare subito delle verifiche magari recandosi al più vicino Pronto Soccorso. La prevenzione è la migliore cura per una trombosi e informarsi quale può essere un corretto stile di vita nel caso può essere una ottima idea.


Leggi anche: Reddito di cittadinanza: a maggio i beneficiari crescono del 16%, ma resta l’allarme povertà

Evitare cibi grassi e fare un’alimentazione sana con uno stile di vita in movimento evitando di trascorrere troppo tempo seduti può evitare possibili creazioni di trombi. Se in famiglia ci sono situazioni recidive, con l’avanzare dell’età bisogna controllarsi con più frequenza cercando di evitare fumo e alcol.

Farmaci essenziali: dal 1897 ad oggi lo sviluppo farmacologico è stato straordinario