Tumore al polmone, diagnosi precoce, arriva il test

-
12/09/2019

Probabilmente è una delle scoperte che fa scalpore, e viene dall’Italia, arriva il test per la diagnosi precoce, lo studio.

Tumore al polmone, diagnosi precoce, arriva il test

Probabilmente è una delle scoperte che fa scalpore, e viene dall’Italia, lo studio condotto presso l’Istituto Nazionale dei Tumori di Milano, arriva il test per la diagnosi precoce. È una grande svolta nella ricerca contro il cancro, presto potrebbe diventare una bellissima realtà. Questa tipologia di cancro è la più diffusa in tutto il Mondo, provoca 3000 decessi al giorno, e adesso ci sono le reali possibilità di fare un cambio di passo cruciale nell’approccio a questa neoplasia.

La ricerca, la scoperta, le speranze

La ricerca è iniziata con l’intenzione di scardinare l’idea dell’impossibilità di effettuare una diagnosi precoce, lo studio, dichiara che il rischio di ammalarsi non è uguale per tutti i fumatori. In questo studio sono stati considerati i soggetti che fumano un pacchetto di sigarette al giorno da almeno trenta anni, o chi fuma trenta sigarette al giorno da non meno di tre decenni.

Le persone che hanno fatto parte del progetto, avevano un’età non inferiore ai 55 anni, sono state sottoposte a TAC spirale toracica a basso dosaggio di radiazioni e a test microRNA su campioni di sangue. Sono stati eseguiti due cicli di controllo, e il 58% dei partecipanti è risultato negativo e avente un basso rischio di ammalarsi di cancro.


Leggi anche: Bonus Natale 2020, in arrivo un cashback da 150 euro: cos’è, come funziona e come ottenerlo

Sul 37% dei campioni è stato riscontrato un rischio medio, il 5% sono risultati positivi ad entrambe le procedure di screening, e di conseguenza ad alto rischio. Alla fine dello studio si è potuto affermare, che per la prima volta, è stato possibile sia profilare il rischio di incorrere nella diagnosi di cancro al polmone, sia rendersi conto che tale percentuale può cambiare da persona a persona e prescinde dall’esposizione dal fumo.

Tumore al colon: il 10% dipende dalla dieta sbagliata