Tumore colon-retto: trovato ceppo di batteri intestinali contro lo sviluppo del tumore

-
30/01/2020

Scoperto un ceppo di batteri che può frenare lo sviluppo del tumore al colon retto.

Tumore colon-retto: trovato ceppo di batteri intestinali contro lo sviluppo del tumore

Per la prima volta si può affermare che è stato scoperto un ceppo di batteri intestinali che va a formare uno scudo protettivo che genera il tumore del colon retto. In questo caso è con questa scoperta si vanno ad aprire nuove strade a favore dei pazienti che sono a rischio.

Andiamo a vedere cosa ci dicono questi studi in base alla scoperta di questo nuovo ceppo

Questo studio ci mostra che alcuni ceppi che si trovano nel microbiota vanno ad avere delle funzioni come freno dello sviluppo dei tumori intestinali. È da tempo che si sa che il microbiota dell’intestino è determinante per uno sviluppo del tumore al colon-retto che sorge nell’intestino ed è una delle più pericolose neoplasie maligne.

Si è potuto notare in alcuni pazienti con un tumore intestinale, l’adenoma, l’assenza di determinati batteri. Mettendo da parte questi batteri si è potuto notare che sono state bloccate la nascita continua delle cellule, cosa che invece si va a verificare in caso di loro assenza.

Questa scoperta apre delle grosse speranze e possibilità a chi corre il rischio di sviluppare questo tipo di tumore; avendo riscontrato che nelle feci viene rilevato il microbiota, si potrebbe pensare che ai pazienti per ridurre il rischio, si potrebbe restituire il batterio sotto forma di probiotico.

Il tumore al colon-retto è dovuto all’aumento delle cellule della mucosa, ha una grossa incidenza sugli uomini, circa il 10% di tutti i tumori, più diffuso nel colon meno nel retto.

Se viene preso in tempo si può guarire, infatti inizialmente si sviluppano polipi adenomatosi e solo con il passare del tempo si trasformano in tumori. Le cause dello sviluppo del tumore al colon retto non è ancora chiaro, si fanno supposizioni che le cause possono essere fattori genetici, fattori ambientali, la dieta.

A parte la sfortuna che possa essere una predisposizione familiare, gli altri motivi possono essere dovuti ad una infiammazione dell’intestino, dieta ipercalorica, fumo, abuso di alcolici, poca attività fisica, obesità e alimentazione ricca di grassi.