Un vaccino che potrebbe prevenire l’infarto, una scoperta importante, test clinici in corso

Scoperto un vaccino che potrebbe prevenire l’infarto, capace di diminuire il colesterolo “cattivo” nel sangue, tutte le novità sui nuovi test clinici.

Scoperto un vaccino che potrebbe prevenire l’infarto, sono in corso i test clinici per verificare l’efficacia di un vaccino in grado di contrastare il colesterolo cattivo e quindi proteggere il cuore.

I pazienti sono già stati inclusi in uno studio di fase 1, per vedere se i test sui topi saranno confermati negli esseri umani. In futuro un vaccino per abbassare il colesterolo, potrebbe teoricamente fornire un’alternativa più efficiente e più sicura alle statine.

Vaccino che cura il colesterolo alto

Il vaccino, noto come AT04A, per la cura del colesterolo alto, attiva la produzione di anticorpi diretti contro un enzima coinvolta nella regolazione dei livelli di colesterolo nel sangue.

L’enzima, PCSK9, ha dimostrato di impedire la rimozione delle lipoproteine a bassa densità- forma di colesterolo cattivo. La ricerca potrebbe rappresentare una soluzione a lungo termine per tutti coloro che, per motivi ereditari o a causa di un’alimentazione scorretta sono costretti ad assumere ogni giorno farmaci contro il colesterolo.

Nei test effettuati, i topi nutriti con una dieta malsana di tipo occidentale avevano un colesterolo totale del sangue diminuito del 53% dal vaccino. Effetto alterosclerotico, l’accumulo di depositi sulle pareti delle arterie è stato ridotto del 64%, e marcatori biologi di infiammazione nei vasi sanguigni fino al 28% rispetto ai topi non vaccinati.

In arrivo un vaccino per proteggere il cuore

I nuovi risultati, pubblicati sull’European Heart Journal, aprono la prospettiva della vaccinazione annuale per mantenere il colesterolo sotto controllo nei pazienti a rischio, come conseguenza dovrebbe inoltre aiutare a mitigare i danni all’apparato cardiovascolare collegati al colesterolo in eccesso.

Il ricercatore Dr. Gunther Staffler, CTO presso la società biotech austriaca Affinis, che ha sviluppato il vaccino, ha detto: ‘’ AT04A è stato in grado di indurre anticorpi che specificamente sono stati mirati enzima PCSK9 per tutto il periodo di studio nei topi trattati.

Ma come funziona il farmaco? Di conseguenza, i livelli di colesterolo sono stati ridotti in modo coerente, a lungo termine con una conseguente riduzione dei depositi di grasso nelle arterie e lesioni alterosclerotiche, nonché una minore infiammazione dalla parete arteriosa. L’obiettivo dei ricercatori è quello di fornire una cura sul lungo periodo a tutti coloro che soffrono di colesterolo “cattivo”, magari con una terapia annuale. Ma non sarebbe meglio puntare sulla prevenzione e gli stili di vita sani?

Ionela Polinciuc

Mi chiamo Ionela Polinciuc, sono nata in Romania e ho vissuto a Roma e Darfield. Amo viaggiare, e questo percorso mi ha permesso di conoscere altre realtà importanti e migliorare le mie capacità di adattamento a svariati contesti. La mia passione per scrivere, mi ha portato a collaborare con diversi giornali, da ormai 3 anni.