Scandalo diplomi facili: la centrale a Salerno, ma è blitz in tutta Italia

In questi ultimi giorni, sono state fatte centinaia di perquisizioni in tutta Italia nell’ambito di una indagine della Procura della Repubblica di Vallo della Lucania,

In questi ultimi giorni, sono state fatte centinaia di perquisizioni in tutta Italia nell’ambito di una indagine della Procura della Repubblica di Vallo della Lucania, la provincia più colpita da questa indagine, è Castellabate, il motivo? Un grande prodigarsi per il conseguimento facilitato di titoli di studio in favore di terzi.

Andiamo a vedere cosa è stato scoperto esattamente

In pratica è stata individuata e scoperta una struttura i cui componenti provvedevano a far ottenere diplomi, i costi si aggiravano intorno ai 3mila euro, il tutto avveniva attraverso la consegna di pergamene e attestati contraffatti, riuscendo a falsificare anche i verbali degli esami virtualmente sostenuti dalle persone che li conseguivano; una sessione straordinaria  in particolare spicca più di tutte, avrebbero preso parte circa 300 candidati, tutti risultati idonei e diplomati. Il giro di affari si aggira intorno a cifre abbastanza considerevoli, si parla di un milione di euro.

Si tratta di una vastissima operazione che ha coinvolto moltissime città italiane, vediamo quali: Salerno, Caserta, Napoli, Avellino, Benevento, Udine, Biella, Vicenza, Verona, Torino, Brescia, Asti, Lecco, Mantova, Novara, Varese, Milano, Monza, Como, Imola, Bologna, Bergamo, Genova, La Spezia, Parma, Reggio Emilia, Modena, Lucca, Perugia, Cuneo, Chieti, Firenze, Prato, Roma, Viterbo, Potenza, Cosenza Reggio Calabria, Trapani, Cagliari, Roma, Latina e Rieti.

Per essere sempre aggiornati, seguiteci su: Facebook – Twitter – Gnews – Instragram – Pinterest e WhatsApp al numero +39 3515397062