Scatti involontari quando si dorme, cosa sono le mioclonie notturne

Le mioclonie notturne sono degli scatti involontari e non previsti che avvengono durante il sonno. Esse possono essere o di tipo fisiologico oppure patologico.

Vi è mai capitato di avere degli scatti improvvisi ed involontari quando si dorme? E magari vi starete chiedendo: “ma succede solo  a me?”. La risposta è no, succede a tutti e c’è una spiegazione scientifica a questo evento che non riusciamo a controllare e nemmeno a prevedere. Innanzitutto, il nome giusto di questi scatti è mioclonie notturne, ed esse avvengono sia all’inizio del sonno che durante, ed interessa una buona parte degli italiani. Nella maggior parte dei casi non sono delle malattie o dei grandi problemi di salute, e nemmeno necessitano di determinate cure. Ma vediamo più da vicino quali siano la loro causa e se è possibile curarle in alcuni casi.

Mioclonie notturne, quegli scatti involontari di notte

Iniziamo a capire quali siano le possibili cause di queste mioclonie notturne, andando a differenziarle in una prima categoria definita fisiologica e in una seconda categoria chiamata patologica.

Alla prima categoria appartengono queste mioclonie notturne definite benigne in quanto interessano soggetti di buona salute.

Tali scatti non sono malattie e non prevedono una cura, e in esse rientrano il singhiozzo, le mioclonie ipniche, ovvero quelle che ci danno una sensazione di cadere nel vuoto o di non avere più equilibrio durante il sonno.

In tal caso è il cervello che ce le fa fare perché interpreta i nostri muscoli immobili come un pericolo e quindi ci fa fare questi scatti come se si volesse accertare che vada tutto bene.

Altri scatti fisiologici sono quelli dei neonati quando dormono, questo è causato o dalla stanchezza oppure dalla poppata fatta prima di dormire.

Si potrebbero curare questi scatti sostituendo il materasso vecchio con uno più nuovo.

Parliamo della seconda categoria delle mioclonie notturne, la categoria patologica.

Patologica perché gli scatti si presentano anche di mattina, il che non è normale ed è quindi bene recarsi dal medico.

Le cause possono essere delle  lesioni al midollo oppure al cervello, ma anche ictus ed ischemie di tipo cerebrale.

Ma gli scatti possono anche anticipare il Parkinson, l’Alzheimer.

Altre cause sono la droga ed alcuni farmaci come ansiolitici, antidepressivi, morfina ed eroina.

Per curare questa seconda categoria di mioclonie notturne, come abbiamo anticipato, è importante recarsi da un medico specialista.

 

Leggi anche:

Acqua frizzante: cosa succede se si beve prima di andare a dormire


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp

Katia Russo

Sono Katia, ho 21 anni e sono una studentessa di Lettere Moderne. Fin da piccola la scrittura e la lettura mi hanno sempre affascinato, e crescendo, ho iniziato ad interessarmi di cinema e di arte. Sono una grande curiosona e mi piace trasmettere qualsiasi informazione utile.