I fisici ungheresi sostengono che potrebbero aver scoperto la quinta forza fondamentale nell’Universo

-
08/01/2018

Ne avremo bisogno per riordinare la nostra idea di Universo se fosse confermata la scoperta dei fisici ungheresi.

I fisici ungheresi sostengono che potrebbero aver scoperto la quinta forza fondamentale nell’Universo

Nell’Universo, a quanto dimostrato, esiste una particella, chiamata ‘’fotone oscuro’’, questa potrebbe portare la quinta forza fondamentale. L’isotopo del berillio potrebbe significare l’esistenza di una quinta forza fondamentale, ma è ancora presto per dirlo con certezza.

Quattro o cinque le forze fondamentali?

Fino a poco fa si credeva che tutto l’Universo fosse dominato solo da quattro forze fondamentali: gravitazionale, elletromagnetico, nucleare debole e nucleare forte. Dai tempi di Einstein finora, l’universo era basato su quattro forze fondamentale, ma ricordate come sosteneva Einstein? ‘’ le quattro forze fondamentale nell’Universo sono corrette, solo se esisterebbe anche una quinta forza’’. Recentemente, i fisici in Ungheria, sostengono di aver trovato prove evidenti di una quinta forza. I ricercatori hanno riferito la presenza di una nuova forza, monitorando le orbite stellari nella vicinanza del centro della Galassia. Se le teorie sono dimostrate, significa che tutto ciò che sappiamo sull’Universo dovrebbe essere reinterpretato. La prova dell’esistenza della quinta forza è stata trovata l’anno scorso quando una squadra dell’Academia delle Scienze Ungherese ha riferito di aver spinto i protoni su un campione di litio -7. Durante questo fenomenale esperimento, i ricercatori hanno rilevato un nuovo tipo di bosone che pesa 34 volte il peso di un elettrone. Un equipe di ricercatori ha rianalizzato i risultati, confermando che l’anomalia scoperta dai ricercatori ungheresi potrebbe essere realmente una nuova forza fondamentale nell’Universo, però lo studio ripreso da scienziati americani non è stato ancora esaminato da esperti internazionali. Una quinta forza fondamentale nell’Universo, se fosse vero, sarebbe sensazionale almeno quanto l’aver trovato il basone di Higgs. Tuttavia, i risultati ottenuti finora bsono stati ressi pubblici, diversi gruppi di ricercatori in tutto il mondo, hanno già avviato progetti che tentano di dimostrare l’esistenza della quinta forza nell’Universo. La squadra guidata dal fisico Attila Krasznahorkay hanno azionato obiettivi protoni nel litio -7, e hanno scoperto che a causa di questi impatti risultate in nuclei instabili berillo -8, che succesivamente sono stati divisi in coppie di elettroni e prositoni. I scienziati hanno fatto una serie di calcoli e sono giunti alla conclusione che la nuova entità avrebbe una massa di circa 17 MeV.

Fiduciosi dell’esito che hanno raggiunto finora, gli scienziati attestano che la possibilità di trovare un’anormalità come quella identificata nei grafici è di circa un miliardo e 200 miliardi.