La foresta “incantata” della Romania: chi entra non se ne va mai

-
09/03/2020

La Foresta di Hoia Baciu che si trova in Transilvania è considerata dagli esperti del Paranormale come uno dei posti più infestati al mondo

La foresta “incantata” della Romania: chi entra non se ne va mai

Se parli della regione della Transilvania, nel cuore della Romania, immediatamente il primo pensiero che viene in mente risale al famoso conte Dracula, le sue storie incredibili e terrificanti di vampiri con castelli oscuri. Tuttavia, per i rumeni che abitano quella regione boscosa, sono altre le cose che fanno davvero paura. Ad esempio ci sono innumerevoli persone che affermano che questa zona è decisamente infestata, specialmente nelle lussureggianti foreste.

Esse infatti sono considerate come tra le foreste più infestate dal mondo. La più famosa delle grandi foreste è la cosiddetta Hoia Baciu situata fuori dalla città di Cluj Napoca, nella regione storica della Transilvania nord-occidentale. Quella zona fu riconosciuta per la prima volta fuori dalla regione quando nel 1968 il biologo Alexandru Sift, mentre si imbarcava su una spedizione scientifica nel mezzo della foresta fece una foto di quello che sembrava essere un disco a forma di UFO. La foto dell’ufologo ha girato il mondo e reso famosa l’area. Nonostante questa storia isolata, la foresta è nota per molto più del solo fenomeno legato agli UFO.

Tra i ricercatori e studiosi del paranormale, come il dott. Adrian Patrut , presidente della Società rumena di parapsicologia, quella zona è chiamata “Triangolo delle Bermuda della Transilvania”. “Alcuni esperti ritengono che sia un vero settore che forma un triangolo nel territorio rumeno, dove si verificano strane situazioni, molto simili a ciò che accade nella regione atlantica del Mar dei Caraibi, tra i porti di Miami, San Juan de Puerto Rico e Bahamas. Per dimostrarlo, i ricercatori fanno riferimento alle informazioni raccolte, molto certificate, in particolare per video e foto eccezionali, insieme alle testimonianze di testimoni e studiosi che le hanno studiate per decenni “, ha spiegato il dott. Patrut nel programma di scienza e conoscenza molto tempo fa di TVR Cluj, che è registrato sul sito conhoiabaciuforest.com.


Leggi anche: Pensioni e legge di bilancio 2021, riparte l’indennizzo ai commercianti

I visitatori che hanno avuto il coraggio di visitare la zona riferiscono di provare intensi sentimenti di ansia, mescolati a suoni che spaventano e ai cambiamenti climatici che preoccupano. D’altra parte, alcuni di quelli che si avventurano nelle foreste enigmatiche, se ne vanno con inspiegabili eruzioni cutanee, graffi, ustioni e altri effetti come emicrania, nausea, vomito e perdendo la cognizione del tempo.

Inoltre, alcuni alberi nella foresta appaiono deformati, altri con i loro tronchi, radici e rami stranamente contorti. Tutto questo paesaggio aggiunge ansia a coloro che visitano. Anche così, in un’area molto specifica, e senza spiegazioni o analisi scientifiche di prima mano per sostenerli, c’è un tratto in cui gli alberi non crescono, formando una radura in quella fitta foresta. In tale contesto, alcuni investigatori paranormali ritengono che quest’area sia particolarmente ricca di attività. Infatti si dice che numerose persone siano scomparse li dentro non lasciando più alcuna traccia.

Ti potrebbe interessare: Paranormale: il fantasma di Agatha Christie in un antico museo?