Migliaia di dati sugli UFO sono adesso disponibili al pubblico

-
17/12/2019

Ufo: Circa 30 mila documenti sui dischi volanti sono stati donati all’Università di Manitoba in Canada da Chris Rutkowski, prolifico scrittore canadese

Migliaia di dati sugli UFO sono adesso disponibili al pubblico

Buone notizie per i cacciatori di alieni e UFO. Nuovi dati sono adesso disponibili per le loro indagini. Migliaia di dati su avvistamenti di oggetti volanti non identificati saranno presto svelati al pubblico. Essi provengono da una raccolta privata di un famoso ufologo. L’uomo ha donato la sua raccolta di ricerche sugli alieni al pubblico. Circa 30 mila documenti sui dischi volanti sono stati donati all’Università di Manitoba in Canada. Da lì, tutti possono adesso accedervi apertamente. La donazione è arrivata da Chris Rutkowski, prolifico scrittore canadese di scienze naturali e ufologia.

Ufo: Circa 30 mila documenti sui dischi volanti sono stati donati all’Università di Manitoba in Canada

La collezione di Rutkowski comprende oltre 20 mila avvistamenti sugli UFO presentate negli ultimi 30 anni. Così come riportato dalla pagina Space.com, alcuni di questi documenti riguardano un popolare avvistamento noto come incidente del Lago Falcon. Il caso stesso è anche definito il miglior caso UFO mai documentato in Canada.

Ha persino superato il famoso incidente di Roswell (un disco volante che presumibilmente attraversava il New Mexico nel 1947) in quanto gli Stati Uniti non riconoscono ancora che qualcosa sia successo a Roswell “, ha affermato Chris Rutkowski. L’incidente del Lago Falcon avvenne il 20 maggio 1967 quando un geologo di nome Stefan Michalak cercava quarzo vicino nel Lago Falcon in Canada. Durante la ricerca, Michalak fu sorpreso da uno stormo di oche che sembravano agitate. Secondo i rapporti, le oche apparentemente fuggivano da due oggetti luminosi a forma di sigari presenti in cielo.


Leggi anche: Canone RAI, per chi evade multa da 600 euro e rischio carcere

Uno degli oggetti volò e l’altro atterrò su una roccia. Michalak ha quindi fatto uno schizzo a mano che mostra un classico disco volante. Al momento, lo schizzo fa parte della collezione dell’Università di Manitoba. Secondo quanto narra la leggenda, Michalak, che si era avvicinato al misterioso oggetto. rimase ustionato da un gas che lo colpì lasciandogli un’ustione di primo grado sullo stomaco. Un ospedale a Winnipeg in Canada medicò le sue ustioni.

Michalak ha segnalato l’incidente alle autorità statunitensi e canadesi. Ha completato le valutazioni fisiche e psicologiche presso la Mayo Clinic in Minnesota. I rapporti dicono che Michalak era sano e non aveva avuto delle allucinazioni.  Anni dopo l’incidente, fu trovato un pezzo di metallo piegato nel luogo in cui sarebbe avvenuto latterraggio sul lago Falcon. I test hanno rivelato che il metallo era radioattivo.

Fino ad ora, l’esercito canadese e gli Stati Uniti non sono stati in grado di spiegare logicamente i risultati. Tutta la raccolta di documenti di Chris Rutkowski sull’incidente del Lago Falcon e migliaia di altri documenti e dati sugli UFO saranno disponibili presso gli archivi e le raccolte speciali dell’Università di Manitoba.

Ti potrebbe interessare: UFO: alcuni ufficiali della marina americana costretti a cancellare prove sugli UFO