UFO: 23 anni dopo, le luci di Phoenix sono ancora inspiegabili

-
14/03/2020

Ancora senza spiegazione dopo 23 anni il famoso avvistamento UFO denominato “Luci di Phoenix”

UFO: 23 anni dopo, le luci di Phoenix sono ancora inspiegabili

Ben 23 anni fa, il popolo dell’Arizona è stato testimone di uno degli avvistamenti UFO più famosi della storia. Una nuova serie di documentari del regista Seth Breedlove analizza in modo approfondito le cosiddette “luci di Phoenix”. “Come evento, le “Luci di Phoenix” è importante semplicemente perché ha attirato così tanta attenzione da parte dei media, è stato visto da così tante persone e oggi non può ancora essere spiegato con precisione”, ha detto Breedlove. “Ogni anno si presentano sempre più testimoni, dai piloti delle compagnie aeree al personale militare alle persone comuni che vivono da luoghi lontani dal centro di Phoenix sino a Las Vegas. ”

Ancora senza spiegazione dopo 23 anni il famoso avvistamento UFO denominato “Luci di Phoenix”

Il 13 marzo 1997, centinaia di abitanti dell’Arizona hanno chiamato le loro forze dell’ordine locali e una popolare hotline di segnalazione UFO per segnalare una serie di strane luci che si spostavano sulle loro città. Il caso delle “Luci di Phoenix” rimane uno dei più grandi avvistamenti UFO della storia e continua ad essere un appuntamento fisso nei discorsi degli ufologi.

Verso le 19:00 circa, le persone nell’Arizona nordoccidentale hanno iniziato a denunciare un grosso velivolo che passava sopra di loro. Secondo il National UFO Reporting Center, la prima chiamata che hanno ricevuto è arrivata alle 20:16 da un ufficiale di polizia in pensione a Paulden, in Arizona, una città a circa due ore a nord di Phoenix. Riferì di aver visto una serie di luci rossastre disposte in una formazione a V.


Leggi anche: Censis, il rapporto del 2020 su consumi, ricchezza, società e sussidi di welfare: l’effetto del coronavirus

Nei due giorni seguenti, continuarono a comparire chiamate per l’avvistamento di più luci nel cielo, alcune disposte a forma di boomerang, altre come strane luci mobili con code e “palle di fuoco”. Ron Regehr, un veterano ricercatore di UFO ha dichiarato in un’intervista che faceva parte del team che ha aiutato a sviluppare il Defense Support Program Satellites (DSP), una serie di satelliti tattici con rilevamento a infrarossi che rilevano il lancio di missili, lanci spaziali e detonazioni nucleari. Regehr ha detto che “Le Luci di Phoenix” è stato un evento significativo in quanto mai così tante persone hanno assistito ad un evento di questo tipo tanto che in USA ancora oggi dopo 23 anni la gente continua a parlarne.

Ti potrebbe interessare: UFO: ex viceministro della difesa statunitense critica l’atteggiamento passivo nei confronti della ricerca