Scoperti 6 Coronavirus nuovi in Asia

Coronavirus: trovati in Asia 6 nuovi tipi del virus nei pipistrelli.

Un gruppo di scienziati hanno fatto una nuova scoperta: si parla di sei nuovi tipi di Coronavirus, non conosciuti, nei pipistrelli, molto simili al virus che ci sta colpendo del Covid-19. Vediamo cosa ci dicono gli esperti e quali sono i rischi di contagio che corre l’umanità.

In Asia scoperti 6 nuovi tipi di Coronavirus

Questa scoperta è stata fatta dagli scienziati esattamente a Myanmar in Birmania: si parla di 6 nuovi tipi di Coronavirus nei pipistrelli. I ricercatori hanno confermato che sono molto simili al nostro Covid-19 che ci sta attaccando da mesi, ma i neofiti non corrisponderebbero alla pandemia attuale e neanche a SARS e MERS.

Gli scienziati hanno scoperto questo per caso, erano impegnati in un altro studio, sempre nei pipistrelli, chiamato PREDICT. Lo scopo di questo studio è studiare quali malattie infettive l’animale può contrarre all’uomo. Gli studi vengono fatti sui pipistrelli, in quanto sono animali che posseggono migliaia di Coronavirus, tutti da scoprire.

Gli esperti ritengono che il Covid-19 abbia avuto la sua nascita nei pipistrelli ed è arrivato all’uomo tramite il trasporto di un ospite intermedio, anche se di questa teoria non si ha, ad oggi, ancora nessuna certezza.

Gli studi tenuti tra il 2016 e il 2018 ci comunicano che sono stati presi in esame circa 500 pipistrelli e sono stati presi dei campioni di saliva e guana, parliamo di almeno 11 specie diverse dell’animale, sempre in Birmania. Gli uomini qui, e questo è cosa certa, sono entrati in contatto diretto, in quanto il suolo è utilizzato per la raccolta di fertilizzanti e anche per ragioni culturali e sociali.

Gli scienziati hanno analizzato questi 6 nuovi virus per vedere effettivamente se ci siano pericoli per la razza umana, ma i campioni non hanno dato certezze. Bisogna fare ulteriori ricerche prima di diffondere notizie allarmanti. Purtroppo in Asia il contatto tra animali selvatici e uomo avviene sempre più di frequente, e quindi si corrono sempre più rischi.


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp