Scuola, a settembre entrate scaglionate a distanza di 15 minuti

Per il rientro di settembre a scuola è possibile che la campanella non suoni per tutti allo stesso orario: si ipotizzano entrate scaglionate di 15 minuti.

In questi giorni il ministero dell’Istruzione assieme alla task force presieduta da Patrizio Bianchi sta pensando a tutti i modi sicuri per poter rientrare a scuola nel mese di settembre. Si è tanto parlato delle mascherine, questione ancora piuttosto incerta, ma anche della disposizione dei banchi, i quali dovranno essere ben distanziati gli uni dagli altri. Oltre a questo, non mancheranno le sanificazioni per ogni classe come anche per le palestre, un luogo frequentato da più classi in orari differenti. Inoltre, da settembre 2020 è possibile che la campanella non suoni per tutti allo stesso orario. Vediamo qualche informazione in più al riguardo.

Rientro a scuola per settembre, ogni classe entrerà in orari differenti

Siamo a maggio ma l’equipe del MIUR assieme alla task force sta già pensando al rientro a scuola previsto per il mese di settembre 2020.

Dopo  essersi occupati dell’esame di maturità e di quello della terza media, è ora che ci si concentri maggiormente sul rientro di settembre.

Nelle settimane scorse si è parlato di tanti argomenti diversi tra di loro legati alla questione del rientro.

Dalla possibilità della creazione di classi composte da 10 o 13 alunni, alla smentita da parte della Azzolina riguardo all’aumento delle ore di lezione.

Inoltre, la stessa ministra ha anche avanzato una nuova ipotesi inerente allo svolgimento delle lezioni, ovvero no ai doppi turni, ma sì alla divisione settimanale in gruppi degli studenti.

Comunque sia, non c’è ancora nulla di certo, ma per evitare situazioni di assembramento è possibile che la campanella non suoni per tutti allo stesso orario.

Infatti, com’era  consueto, almeno fino all’avvento del Coronavirus, tutte le classi, senza distinzione di età,  uscivano ed entravano allo stesso orario.

Ovviamente, questa è una situazione da evitare assolutamente a settembre per non mettere in pericolo la salute di tutti.

Così si pensa ad entrare scaglionate di almeno di 15 minuti e per entrate differenti.

Lo stesso discorso vale anche per le uscite dopo una giornata di lezione.

Si sta anche pensando alla possibilità di misurazione della febbre negli ingressi esterni, ma non è ancora sicuro che venga deciso così.

Anche nella scuola, di certo  verranno segnati a terra dei percorsi a senso unico così da potersi spostare all’interno dell’edificio evitando gli assembramenti.

 


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp

Katia Russo

Sono Katia, ho 21 anni e sono una studentessa di Lettere Moderne. Fin da piccola la scrittura e la lettura mi hanno sempre affascinato, e crescendo, ho iniziato ad interessarmi di cinema e di arte. Sono una grande curiosona e mi piace trasmettere qualsiasi informazione utile.