Scuole aperte a settembre per il Consiglio Superiore della Sanità

Per il presidente del Consiglio Superiore della Sanità sarebbe ideale riaprire le scuole d’Italia direttamente nel mese di settembre 2020.

Sono appena passate le festività della Santa Pasqua trascorse in casa da ogni italiano, nonostante si sperasse di riuscire a festeggiarle come ogni anno. Comunque sia, come sappiamo da un bel po’ di giorni, la quarantana è stata prolungata oltre la data del 13 aprile, e dovrebbe, se tutto va bene, terminare invece nella giornata del 3 maggio. Da questa data si potrebbe entrare nel vivo della fase 2 della quarantena, la quale non ancora sappiamo con precisione cosa preveda. Per le scuole, invece, cruciale sarà la data del 18 maggio, la quale, come viene riportato nel Decreto Scuola di recente approvato e pubblicato, andrà ad incidere su due momenti importanti nella vita di ogni giovane studente: maturità 2020 ed esami di terza media. Sebbene siano in molti a sperare in questa data, c’è chi sostiene che sia necessario posticipare la riapertura delle scuole direttamente a settembre prossimo.

Consiglio Superiore della Sanità: ideale sarebbe riaprire le scuole a settembre

Colui che ritiene necessario una riapertura delle scuole direttamente a settembre non è uno qualsiasi, ma Franco Locatelli, presidente del Consiglio Superiore della Sanità.

Questo è quanto ha detto di recente a Fabio Fazio durante la trasmissione del noto programma Che tempo che fa di qualche giorno scorso.

Ovviamente si tratta di una pura opinione del presidente il quale ha tenuto a sottolineare che spetta al Governo decidere sulla riapertura di tutte le scuole italiane.

Quello delle scuole italiane è davvero un tasto molto delicato di cui parlare, poichè, come anche altri settori della socialità italiana,  dipenderà da come andranno i contagi di queste ultime settimane fino al 3 maggio.

Non dimentichiamo, poi, che anche qualora si riaprissero le scuole a settembre bisognerà tener conto di una regola fondamentale per evitare una recidiva: distanziamento tra studenti, insegnanti e altre figure della scuola.

Ovviamente, in un luogo del genere, dove si è sempre a stretto contatto con gli altri, è davvero impossibile applicare una comportamento simile.

 

Leggi anche:

Scuola, gli insegnanti quando torneranno a lavoro?


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp

Katia Russo

Sono Katia, ho 21 anni e sono una studentessa di Lettere Moderne. Fin da piccola la scrittura e la lettura mi hanno sempre affascinato, e crescendo, ho iniziato ad interessarmi di cinema e di arte. Sono una grande curiosona e mi piace trasmettere qualsiasi informazione utile.