Seggiolini anti-abbandono: è caos totale

Seggiolini anti-abbandono: l’entrata in vigore il 7 novembre ha mandato tutti nel caos.

Sono stati due giorni di caos totale perché si pensava che per i seggiolini anti-abbandono ci fosse uno slittamento dell’entrata in vigore. Il Ministero solo pochi giorni prima ha chiarito che il provvedimento diventasse obbligatorio distribuendo panico per i genitori che si sono trovati impreparati; impreparati si sono trovati anche i venditori di seggiolini anti-panico in quanto sono stati presi d’assalto e ne sono rimasti subito sprovvisti creando problemi anche a chi lo voleva acquistare.

Ma cosa è successo realmente, perché tanto caos

Non si capisce se c’è stato un fraintendimento o molti non hanno voluto capire. La legge 117/2018 prevedeva 120 giorni di tempo per cui ci fosse l’obbligo dei seggiolini a contarli dal primo luglio scorso, il 7 novembre per l’appunto. Erano sembrate poche chiare le notizie tanto che il Ministero dell’interno nel pomeriggio del 6 novembre aveva diramato un comunicato dove ricordava che il 7 novembre entrava in vigore il dispositivo è chi non si sarebbe messo il regola, sarebbe stato sanzionato, preceduto da un comunicato stampa già il 29 ottobre.

Dopo tutte queste ambiguità e situazioni poco chiare adesso non resta per chi è interessato a questa norma a comprare il seggiolino e mettersi in regola, e per chi è già stato sanzionato, deve solo pagare la multa.

Non si capisce perché la si vuole bollare come un ulteriore tassa sulle famiglie, forse molti dimenticano in passato cosa è successo e di bambini anche morti perché dimenticati in auto. Forse si è aspettato troppo per fare questa legge, forse ci dovrebbero pensare le case automobilistiche quando vendono un auto a proporre il seggiolini anti-abbandono per chi ne avesse bisogno o forse ci doveva pensare un genitore prima e non aspettare che si facesse una legge per obbligare a tenere il seggiolino anti-abbandono in auto.

Questa è una legge di civiltà, voluta e approvata da tutti i partiti per evitare che accadano tragedie come avvenute in passato. Questa legge dovrebbe rappresentare e costituire una conquista per tutti e non certamente un motivo di polemica.


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instragram - Pinterest - Youtube