Segregata e violentata da un 37 enne, l’incubo vissuto da una donna inglese

Donna inglese segregata per due settimane e stuprata

Rosarno, Reggio Calabria, scatta l’arresto immediato per un giovane di 37 anni, insieme ad altri due complici originari di Mali. Accussato di sequestro di persona, violenza sessuale aggravata e continuata violenza privata.

Un altro episodio di violenza sulle donne, questa volta la vittima è una donna inglese.

Sembrerebbe che il giovane Mamodau Jallow 37 enne, non ha agito da solo, in questa orribile faccenda.

Il crudele uomo, dopo aver conosciuto la donna in web su Facebook, ha convissuto per alcuni mesi con lei in Germania, poi portata in Italia, ed  è iniziato l’incubo.

La donna inglese racconta alla Polizia che sono dovuti scappare dalla Germania. Jallow era stato coinvolto in un pesante giro di droga,in più era indagato nell’ accoltellamento di un suo connazionale.

Non poteva fare tutto da solo, e dopo l’intervento della Polizia, esce fuori una faccenda terrificante. Gli altri due complici extracomunitari,che hanno aiutato l’uomo originario di Mali, sono anche loro denunciati, e accusati di violenza sessuale e favoreggiamento , ma per momento si trovano in libertà.

Gli agenti , dopo una segnalazione dall’Interpol, hanno rintracciato la donna, che è stata segregata e stuprata.

Non troppo lontano dalla stazione di Rosarno, è stata rintracciata la donna che ha subito delle violenze dai tre uomini extracomunitari.

La donna è riuscita a contattare i servizi sociali inglesi che hanno dato l’allarme all’Interpol e hanno allertato gli agenti del Commissariato di Gioia Tauro

Il commissariato di Gioia Tauro in allerta massima per prendere le misure di sicurezza.

Dopo due settimane di violenza continua l’incubo finisce per la donna inglese ennesima vittima della violenza sulle donne.

È stata effettuato una perquisizione dalla polizia nell’appartamento indicato dalla vittima.

Con grande fatica è riuscita a scappare dal posto di continue torture, e ha fornito agli agenti tutte le informazioni necessarie per ritrovare il posto dove è stata segregata e stuprata.


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp

Ionela Polinciuc

Mi chiamo Ionela Polinciuc, sono nata in Romania e ho vissuto a Roma e Darfield. Amo viaggiare, e questo percorso mi ha permesso di conoscere altre realtà importanti e migliorare le mie capacità di adattamento a svariati contesti. La mia passione per scrivere, mi ha portato a collaborare con diversi giornali, da ormai 3 anni.