Segreti scritti sul pavimento, una strana scoperta , ecco cosa rivelano

Dopo anni, viene scoperto un diario scritto sul pavimento, con segreti impressionanti, ecco cosa contengono…

Il diario di un falegname, lascia a bocca aperta tutti, ecco cosa succede:

Un diario nascosto scritto da un falegname sul pavimento di un castello alpino francese fornisce una rara visione della vita privata degli abitanti del villaggio nel tardo XIX secolo, scrive Hugh Schofield.

Quando i nuovi proprietari del castello di Picomtal decisero di rinnovare il parquet in alcune delle loro stanze al piano di sopra, fecero una scoperta impressionante.

Sul lato inferiore delle assi del pavimento, invisibili fino a quando non sono state sostituite le schede, c’erano lunghi messaggi scritti a matita.

I messaggi furono datati per diversi mesi tra il 1880 e il 1881 e furono firmati da un certo Joachim Martin

Joachim Martin, divenne subito chiaro, era il carpentiere che installò il parquet per il proprietario del castello, e ciò che lasciò indietro fu una specie di diario segreto destinato a essere letto solo molto tempo dopo.

In 72 frasi, alcune più lunghe di altre, alcune semplici, altre che pulsano di sentimenti personali, Joachim spiega cosa c’è nella sua testa mentre fa il suo lavoro quotidiano.

“Queste sono le parole di un normale uomo di lavoro, un uomo del popolo, e sta dicendo cose molto personali, perché sa che non verranno mai lette se non in un lungo periodo di tempo”, afferma lo storico Jacques-Olivier. Università di Boudon della Sorbona.

Il diario di Joachim tocca argomenti di sesso, crimine e religione, e talvolta una combinazione di tutti e tre!

L’episodio più sconvolgente riguarda un infanticidio, una storia che ancora ossessiona Joachim 12 anni dopo il suo verificarsi.

“Nel 1868 stavo passando a mezzanotte davanti all’ingresso di una stalla, ho sentito gemiti, era l’amante di uno dei miei vecchi amici’’

Nel corso del tempo la donna ha dato alla luce sei figli, ci informa Joachim, quattro dei quali sono sepolti nella stalla. Spiega che non è stata la loro madre a ucciderli, ma il suo amante. Il suo vecchio amico Benjamin, che Joachim accusa ora di aver tentato di sedurre sua moglie.

“Questo (criminale) sta cercando di rovinare il mio matrimonio, tutto quello che devo fare è dire una parola e puntare il dito contro le scuderie, e loro sono tutti in prigione, ma non lo farò, è un amico d’infanzia. Inoltre sua madre è l’amante di mio padre. ”

Joachim prova orrore per l’infanticidio multiplo, ma non lo denuncerà a causa delle intime connessioni che legano le sue famiglie a quelle di Benjamin. L’uccisione dei bambini era certamente un reato penale, ma in un momento prima che la contraccezione era disponibile, forse non era così raro.

Il diario di Joachim implica che in luoghi come il villaggio di Les Crottes l’infanticidio era un tabù. La gente sapeva ma andava avanti, nessuno parlò.

Molto probabilmente la pressione del segreto era un fattore che spinse Joachim a sfogarsi sulle sue tavole. Un’altra sembra essere stata la sua rabbia per il prete locale.


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instragram - Pinterest - Youtube

Ionela Polinciuc

Mi chiamo Ionela Polinciuc, sono nata in Romania e ho vissuto a Roma e Darfield. Amo viaggiare, e questo percorso mi ha permesso di conoscere altre realtà importanti e migliorare le mie capacità di adattamento a svariati contesti. La mia passione per scrivere, mi ha portato a collaborare con diversi giornali, da ormai 3 anni.