Sequestrati alimenti: pesce, carne e formaggi non idonei al consumo umano, in varie regione, ecco dove

Carabinieri NAS e sicurezza alimentare: carni, pesci e formaggi oggetti dei sequestri.

Sequestrati alimenti non idonei al consumo umano per il cattivo stato di conservazione e mancanza totale delle norme igieniche. I Carabinieri dei NAS  sono molto attivi nella sicurezza alimentare su tutto il territorio nazionale, da nord a sud sono stati effettuati una serie di sequestri di alimentari non conformi alla legge e pericolosi per la salute del consumatore nel caso fossero stati messi sul mercato.

Alimenti sequestrati: vediamo quali sono stati i sequestri effettuati e in quali città

Il NAS di Firenze, durante un ispezione effettuata in una pescheria gestita da un cittadino extracomunitario, ha sequestrato più di un quintale di prodotti ittici che comprendevano vongole, granchi e pesci vari, molti di provenienza cinese. Erano tenuti in condizioni pessime a temperatura ambiente e di conseguenza in cattivo stato di conservazione in sacchetti di plastica messi uno sull’altro. Il titolare dell’attività commerciale è stato deferito all’autorità giudiziaria.

Il NAS di Bari, ha intercettato presso un caseificio pugliese, un piano interrato abusivo tenuto a scopo di cella per stagionatura. Sono stati trovati più di una tonnellata di caciocavalli avvolti nella muffa e in macchie molto scure, allo spregio totale di tutti i requisiti igienico sanitarie. Gli alimenti sono stati subito sequestrati e stata disposta l’immediata chiusura del deposito abusivo.

Il NAS di Salerno, ha effettuato alcuni controlli presso alcune macellerie campane e purtroppo quello che hanno scoperto non sono per niente delle notizie buone:

1)possesso di svariati farmaci veterinari senza alcuna prescrizione medica;

2)circa 200 marche plastiche per padiglioni auricolari di animali ancora intatte, detenute in modo illegale dal titolare di un esercizio commerciale;

3)una carcassa ovina macellata in modo clandestino;

4)5 carcasse ovine sprovviste di idonea documentazione;

5)un capo ovino dotato di dispositivo identificativo elettronico corrispondente ad un differente capo animale.

Per tutti questi reati, 4 soggetti sono stati deferite all’autorità Giudiziaria in stato di libertà.

Alimenti ultra trasformati: hanno un alto rischio per il cuore


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube