Sgozzata dal padre e dal fratello perchè si innamora di un italiano

Uccisa dal padre e dal fratello perchè si è permessa di scegliere da sola l’uomo che voleva sposare.

Sana Cheema, una ragazza di 25 anni di origini pakistane si era innamorata di un ragazzo italiano e voleva vivere all’occidentale. Viveva da sempre  a Brescia dove si era inserita benissimo, la ragazza dopo gli studi aveva preso i primi contatti con il mondo del lavoro a Milano e aveva conosciuto l’amore. Del ragazzo non si sa molto, ma Sana contava di sposarlo nonostante i familiari non fossero d’accordo, e aveva deciso di chiedere la cittadinanza italiana prima di emigrare in Germania con lui.

Tornata in Pakistan un paio di mesi fa la ragazza si è ricongiunta, come faceva di tanto in tanto con i familiari ma non è più tornata a Brescia. Il padre e il fratello, infatti, l’hanno punita barbaramente per le decisioni di vita che aveva preso : in Pakistan in promesso sposo viene scelto dai parenti e non dalla sposa e per questo Sana è stata sgozzata dal padre e dal fratello per la trasgressione alla regola della cultura del suo Paese. Per i delitti di onore in Pakistan sono oltre 1000 donne l’anno a perdere la vita. Il padre e il fratello di Sana sono stati arrestati ma i sogni di futuro della giovane donna non ci sono più.


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp

Redazione

Notizie scritte dalla redazione di cronaca, notizie, salute, viaggi, gastronomia e musica di NotizieOra.