Sicurezza dei ragazzi online: consigli utili

Internet Safer Day: molti genitori si dichiarano impreparati a gestire l’attività dei propri figli in Rete. Consigli utili per tutelare la sicurezza dei ragazzi online.

Pubblichiamo integralmente un comunicato stampa della Fedrcontribuenti sulla sicurezza dei ragazzi online che contiene utili consigli per i genitori che non riescono a far fronte al diffuso utilizzo della rete da parte degli adolescenti. Nel comunicato si parla anche di una ricerca effettuata e diffusa dal Telefono Azzurro

Sicurezza ragazzi online

In occasione della Giornata Mondiale per la Sicurezza in Rete è stata presentata una ricerca di Telefono Azzurro-Doxa Kids da cui emerge che un genitore su tre dichiara di non essere sufficientemente preparato per tutelare i propri figli nell’ambito dell’utilizzo di Internet e dei social media.

Considerando che l’accesso alla Rete è sempre più diffuso tra gli adolescenti e anche in fasce di età più basse, è utile ribadire alcune indicazioni utili per le famiglie:

  • Stabilire regole e limiti, indicando ai ragazzi un tempo massimo da trascorrere online e cosa poter fare e cosa no;
  • Spiegare l’importanza della privacy e di non rivelare in Rete i dati personali per la sicurezza di tutta la famiglia;
  • Affiancare i bambini più piccoli nella navigazione e leggere insieme a loro eventuali email, controllando attentamente gli allegati;
  • Controllare la cronologia dei siti visitati;
  • Spiegare ai ragazzi che non devono accettare incontri con chi hanno conosciuto in Rete, poiché dietro allo schermo potrebbe nascondersi un malintenzionato e che devono prestare la massima attenzione ciò che condividono: i contenuti, una volta immessi in Rete, non scompaiono mai del tutto e qualcuno potrebbe farne un uso inappropriato;
  • Attivare sui dispositivi dei filtri attraverso i quali impedire l’accesso ad un elenco predefinito di siti;
  • Aggiornare regolarmente l’antivirus per la protezione del computer.
  • Raccomandare a bambini e ragazzi di non rispondere a messaggi offensivi o volgari e di non impiegare termini scurrili quando scrivono online.

È poi altrettanto importante saper cogliere gli eventuali campanelli di allarme, in modo da poter intervenire tempestivamente. In particolare si consiglia di “indagare” se un ragazzo:

  • Resti connesso per un numero eccessivo di ore;
  • Rifiuti categoricamente di mostrare il telefonino o il computer ai genitori;
  • Si apparti per telefonare e/o per connettersi a Internet;
  • Consumi troppo rapidamente il credito disponibile;
  • Mostri ansia e preoccupazione mentre è connesso;
  • Modifichi il comportamento alimentare e/o il rendimento scolastico. 

Una delle minacce principali a cui i ragazzi sono esposti in rete è il cyberbullismo. Ricordiamo che, in relazione a tale fenomeno delicato e complesso, sul nostro sito è disponibile una guida su cosa c’è da sapere e come difendersi dalle vessazioni, al link: http://www.federconsumatori.it/Showdoc.asp?nid=20140225164434

Ufficio Stampa

Federconsumatori Nazionale

 

Leggi anche: Cyberbulli e Cyberbullismo: come riconoscerli e come difendersi


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp

Patrizia Del Pidio

Giornalista pubblicista, oltre ad essere proprietaria e autrice presso Notizieora.it, collaboro da anni con la testata Orizzontescuola.it. Scrivere è da sempre la mia passione e farlo come professione è stata la realizzazione di un sogno. Esperta di fiscalità e pensioni mi piace rispondere ai quesiti che i miei lettori quotidianamente mi inviano per fare in modo che, nel mio piccolo, la burocrazia possa essere più facile e alla portata di tutti.