Smartphone in acqua? Ecco come comportarsi

Telefono finito in acqua? nessun problema, ecco cosa dovete fare

A chi non è mai capitato di far cadere in acqua distrattamente il proprio smartphone, ci auguriamo non a tutti, ma se vi dovesse capitare, ecco cosa fare per poter salvare il vostro telefonino con questi piccoli passi

Ecco come rimediare i danni allo smartphone caduto in acqua

Ci sono alcuni trucchetti da non sottovalutare quando si tratta di salvare il proprio telefono che per sbaglio è andato a finire in acqua. Niente panico, si può tranquillamente recuperare, bisogna solo seguire un procedimento descritto passo per passo.

Leggi anche: Samsung, lo smartphone pieghevole costerà più di 1.500 euro, mito o realtà?

Bisogna spegnere con urgenza il proprio smartphone, subito dopo dovete scollegare tutto quello che è connesso al telefono, come ad esempio auricolari, cavi USB, caricabatterie. Infine asciugare bene esternamente lo smartphone, usando un panno che assorbe.

Una volta eseguito questo tipo di procedimento, bisogna fare estrema attenzione a pulsanti presenti sul frontale del telefono e alle zone esterne e laterale. Con un semplice bastoncino che usate per pulire le orecchie, cercate di asciugare gli ingressi per la ricarica, gli altoparlanti e anche le zone interne ove vi sia potuta entrare dell’acqua. A questo punto, cerchiamo una posizione per il telefono, nel senso verticale, cosi da poter far fuoriuscire delle tracce di acqua ancora presenti nel telefonino, lasciandolo in questa posizione per circa 12-18 ore, dopodiché si può tentare di riattivare lo smartphone.

Ecco quello che non bisogna mai fare

Come in ogni procedimento che si rispetti, bisogna seguire passo passo, le varie istruzioni, ma in questo caso ci sono dei procedimenti che sarebbe meglio non fargli. Ecco di cosa si tratta

Per nessun motivo tentare di riaccenderlo

Evitare in assoluto di ricaricare la batteria da PC, o altre sorse

Non bisogna assolutamente tentare di asciugare il proprio smartphone con phon, o altre varie fonti di calore, perché si creerà un danno devastante.

 


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp

Ionela Polinciuc

Mi chiamo Ionela Polinciuc, sono nata in Romania e ho vissuto a Roma e Darfield. Amo viaggiare, e questo percorso mi ha permesso di conoscere altre realtà importanti e migliorare le mie capacità di adattamento a svariati contesti. La mia passione per scrivere, mi ha portato a collaborare con diversi giornali, da ormai 3 anni.