Sms: ‘abbiamo sospeso utenza postale perchè insicura’ fate attenzione è una bufala

Attenzione all’SMS che vi chiede di inserire i vostri dati personali, è una truffa. La Polizia Postale ha lanciato l’allerta dopo moltissime segnalazioni.

Negli ultimi giorni sta girando tramite sms una nuova ondata di truffe del tipo smishing, una variante del phishing, messa in atto attraverso sms fraudolenti. Il meccanismo non cambia: l’obiettivo è quello di acquisire le vostre informazioni personali. Si tratta di una forma di attività criminale per rubarvi credenziali, password, dati personali, facendovi credere di comunicare con un’entità affidabile.

Sms fraudolento: allerta della Polizia Postale

La Polizia Postale non si ferma e continua la sua opera, rilanciando una nuova allerta con l’ennesimo tentativo fraudolento di rubarvi i vostri dati personali. La Polizia Postale pubblica un post sulla pagina di Facebook, avvisando che il Commissariato di PS On Line (Italia) porta all’attenzione il messaggio tipo che sta pervenendo a molti utenti, consigliando di fare molta attenzione. Il messaggio arriva tramite SMS sui propri dispositivi e invita ad aprire un link, non fatelo. Il messaggio che arriva è il seguente: “Abbiamo sospeso le sue utenze postali per mancata sicurezza web”; questo è solo l’inizio, poi continua chiedendo all’utente di eseguire il link allegato.

Questo è quello che non dovete fare, cancellate il messaggio immediatamente.

Gli istituti di credito non chiedono informazioni personali per messaggio

La Polizia postale precisa che gli istituti di credito non chiedono informazioni personali al cliente tramite Sms, mail o telefono. Purtroppo sono molti gli utenti che cadono in questa trappola e, senza nemmeno pensarci, cliccano il link fraudolento, trovandosi a fare i conti con conti svuotati e dati personali che girano sul web, contratti mai firmati, ecc.

Pensate quante persone anziane che vivono da sole possono cadere in questa trappola. Certo che le truffe sono ideate per far cadere in trappola le persone e, per quanto ci siano gli avvertimenti, ci sono comunque delle persone che cadono nella fitta rete dei malfattori.


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp