Sollecito pagamento del TFS o TFR, vorrei giustizia per i lavoratori e le loro famiglie

TFS o TFR: vorrei la giustizia nei confronti dei lavoratori e delle loro famiglie che di quei soldi accumulati hanno fatto affidamento…

Trattamento di fine servizio (TFS) o trattamento di fine rapporto  (TFR), un diritto negato per i lavoratori dopo anni di dedicati al lavoro. Lavoratori che rischiamo la vita per salvare altre vite, pronti ad intervenire in ogni occasione, ci si chiede perchè nessuno fa niente? Come promesso pubblichiamo tutte le lettere di protesta dei nostri lettori, sperando che arrivino a chi di dovere. 

TFS o TFR: vorrei giustizia 

Buongiorno (se si vuol chiamare cosi’ !) sono un ex dipendente C.R.I in attesa dal 2017 del tfs/tfr e che a tutt’oggi Novembre/2019 non ho ricevuto nulla in merito,….essendo la C.R.I in LCA ( liquidazione coatta amministrativa ),mi chiedo il perché a rimetterci è SEMPRE il lavoratore !….ed e’ sempre più difficile credere nelle istituzioni o come certe persone possano camminare per strada senza vergogna, sapendo che le famiglie hanno lavorato una vita per poi essere trattati cosi’…chiedo se il governo o chi per esso, intende accertare nelle proprie competenze, le reali responsabilità della mancata corresponsione delle liquidazioni di ex dipendenti della Croce Rossa Italiana. Da notizie del web leggo:  presso il Mef da oltre due anni giacciono (inutilizzati) 34 milioni di euro stanziati dallo Stato per le esigenze della Cri che però né l’Ente strumentale della Cri (l’Esacri), né l’associazione Croce Rossa italiana possono usare……!!!!!!!

Spero dell’operato delle istituzioni in merito al problema e che questo commento venga letto e preso in seria considerazione, vorrei la giustizia nei confronti dei lavoratori e delle loro famiglie che di quei soldi accumulati hanno fatto affidamento……

Trovo paradossale il persistente e costante disinteresse degli enti preposti alla problematica, per tutti quei lavoratori che hanno donato tutta la loro vita e le loro energie lavorando con passione e dedizione per la Croce Rossa Italiana, di tale e delicata questione e che purtroppo porta sempre più profonde preoccupazioni nelle famiglie di ex dipendenti C.R.I, personalmente parlando, il sottoscritto, licenziatomi volontariamente 1/07/ 2017 dalla C.R.I per motivi di salute, attendo a tutt’oggi  Novembre 2019 il pagamento del tfs/tfr maturato presso la Croce Rossa Italiana frutto di una vita di lavoro, mi chiedo e domando: per una vita che ho versato le relative trattenute  mensili, e pagato la  ricongiunzione dei contributi di precedenti lavori devo sperare di ricevere quello che mi spetta??!!! ……..spero che tutto questo si risolva nel più breve tempo possibile, sperando di non lasciare questo mondo problematico e marcio prima del tempo e di poter godermi con la mia consorte una vecchiaia serena.

Chiedo scusa dello sfogo ma non se ne può più di questo schifo!

TFS Croce Rossa Italiana: dal 2016 al 2017 duemila dipendenti in attesa di un loro diritto, lettera


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Per una risposta dei nostri esperti scrivi a consulenze@notizieora.it
I nostri esperti risponderanno alle domande in base alla loro rilevanza e all'originalità del quesito, rispetto alle risposte già inserite in archivio.
Se anche tu vuoi scrivere la tua opinione su qualsiasi argomento scrivi a notizieora.it@gmail.com
La tua lettera sarà vagliata dalla redazione e, se ritenuta idonea, pubblicata.

Angelina Tortora

Giornalista pubblicista, amministratore e autrice presso Notizieora.it. Scrivere è passione, è vita, mi accompagna da quando ero bambina. Attraverso la scrittura posso comunicare notizie, idee e soprattutto aiutare gli altri. In un mondo dove tutto va all’incontrario, e dove tutto è confusione, il mio obiettivo è quello di diffondere notizie che aiutino. NotizieOra rappresenta la realizzazione di un sogno, dove esprimersi è libertà, è passione. “Solo attraverso la scrittura possiamo avere notizia di uomini che ci hanno preceduto e scoprire in cosa si sono distinti. E, come i classici insegnano, se si ha memoria di qualcuno, se ne protrae l’esistenza.”