Sostegno alle famiglie, assegno di 240 euro per figlio, abolite detrazioni, assegni e bonus

Sostegno alle famiglie con l’introduzione di un unico assegno di 240 euro per figlio, questa è la linea del nuovo Governo

Al vaglio del Governo, la misura a favore delle famiglie con un unico assegno di 240 euro per ogni figlio.  Bisogna, però, cercare le risorse che coprono il peso di questo sostegno che si aggira intorno ai 30 miliardi di euro, infatti anche eliminando gli attuali benefici alle famiglie si recupererebbero 23 miliardi, non sufficiente a coprirne il costo.

Assegno unico alle famiglie

In sostanza la nuova manovra a favore delle famiglie prevede, in primo luogo una revisione dei sussidi alle famiglie e un’introduzione di un unico assegno da 240 euro al mese per ogni figlio, erogato dal settimo mese di gravidanza fino al compimento del 18esimo anno. non sono previsti limiti di reddito e in caso di disabilità l’assegno aumenterebbe del 40%.  Invece, per i figli maggiorenni e fino al 26esimo anno, l’assegno si ridurrebbe a 80 euro. Con questa manovra il governo ritiene che tutte le famiglie percepiranno un aiuto concreto

Le risorse: abolizione detrazioni, assegni e bonus

Il problema, quindi principale è la mancanza di fondi disponibili. Per questo si sta valutando una revisione completa dell’intero sistema di bonus e detrazioni a supporto dei nuclei familiari. In sostanza, per introdurre un assegno unico sarebbe necessario eliminare le detrazioni con cui si recupererebbero 12 miliardi, dagli assegni familiari 6 miliardi e dall’eliminazione dei bonus si recupererebbero in fine 2 miliardi. Ma la loro somma è sempre insufficiente per coprire il totale costo della manovra di 30 miliardi di euro. Quindi non si esclude, che per trovare altri fondi a sostegno delle famiglie venga rivisto anche il bonus Renzi di 80 euro.

La linea del Governo

Il ministro dell’Economia, Roberto Gualtieri, in una sua dichiarazione ha escluso che il bonus renziano verrà eliminato, precisando che l’obiettivo è “un pacchetto organico” per la famiglia a partire dagli asili nido.

Il ministro della famiglia e delle pari opportunità Elena Bonetti ha delineato un po’ tutta la linea del governo intende seguire a sostegno delle famiglie, indicando che è il momento giusto per un “family act” con “nidi gratuiti”, “lotta alla povertà educativa”, “congedo paternità da 10 giorni” e “assegno unico”.  Queste sono misure che saranno delineate all’interno della manovra e nei decreti attuativi con l’obiettivo di rimettersi in linea con le politiche dei partner comunitari.

Bonus 80 euro in busta paga non sarà eliminato, novità dell’ultima ora

 


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp

Maria Di Palo

Sono ragioniere programmatore, ho scoperto, grazie ad una buona amica, il piacere di scrivere e di condividere ciò che mi interessa, mi incuriosisce e mi appassiona. Mi piace trasferire agli altri le ricette della tradizione campana che la mia mamma mi ha lasciato in eredità e quelle nuove che amo preparare per la mia famiglia. Mi appassiona scrivere su tutto ciò che attrae la mia curiosità come argomenti di attualità e argomenti che riguardano il mondo della scuola. Amo anche esplorare luoghi nuovi e affascinanti.